Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Digitalax sta correndo per costruire un sistema operativo per la moda digitale nel Metaverso - Today's Crypto News
Home » Digitalax sta correndo per costruire un sistema operativo per la moda digitale nel Metaverso

Digitalax sta correndo per costruire un sistema operativo per la moda digitale nel Metaverso

by Christian

La startup Digitalax del Web 3 è in lizza con un nuovo gruppo di aziende per creare moda digitale mobile per il Metaverso e oltre.

Emma-Jane MacKinnon-Lee sta correndo lungo una strada del quartiere North Beach di San Francisco come se stesse per perdere un aereo. I capelli rosa e arancioni volano dietro un’uniforme tutta nera mentre gira un angolo, si lancia su una collina e si infila in una casa vittoriana.

Questo ritmo è tipico di MacKinnon-Lee, la 23enne CEO di Digitalax, una startup che mira a costruire il primo “sistema operativo di moda web 3”. MacKinnon-Lee e il suo team di sei persone costruiscono marketplace di moda digitale, piattaforme, infrastrutture, programmi di outreach, strumenti per i designer; tutto ciò che può aiutare a stabilire il mercato della moda web 3 è un gioco leale. Il che inizia a spiegare perché MacKinnon-Lee è sempre di corsa.

“Dormo su una sedia ventiquattro ore al giorno. Non dormo orizzontalmente, non sto scherzando, da giugno”, ha detto recentemente. “Oggi ho dormito dalle sei alle sette del mattino e basta, e forse stanotte dormirò dalle due alle tre del mattino. Ma mi piace assolutamente”.

MacKinnon-Lee è al centro di un’industria che quasi non esisteva un anno fa, ha iniziato a gonfiarsi negli ultimi dieci mesi e poi, tre settimane fa, è praticamente esplosa, con la sconcertante notizia che una collezione di moda NFT di Dolce & Gabbana, la prima del suo genere, è stata venduta per quasi 5,7 milioni di dollari.

L’asta di Dolce e Gabbana ha dato una sbirciata al potenziale della moda di diventare il prossimo punto focale del mercato NFT, che solo nell’ultimo trimestre ha superato i 10,7 miliardi di dollari di volume di scambio. Ma la moda, a differenza di altre popolari categorie di NFT come l’arte o le trading cards, non viene solo collezionata, ma anche indossata. Questa utilità è la chiave del potenziale sbalorditivo della moda digitale non solo di dominare il mercato NFT, ma di diventare una pietra miliare dell’ancora nascente metaverso.

Mentre tutti, da Facebook a Sotheby’s, corrono per fare soldi in un mondo online completamente immersivo, poche industrie hanno da guadagnare più della moda su questa frontiera digitale. Il mercato dell’abbigliamento e dei cosmetici puramente virtuali nei giochi è già valutato a 40 miliardi di dollari. E mentre il metaverso comincia ad espandersi, molti prevedono che il valore di mercato della moda digitale potrebbe avvicinarsi o addirittura eguagliare quello dell’industria della moda fisica da 2 trilioni di dollari.

La battaglia della moda per il metaverso

Il controllo del metaverso è in palio. Facebook si sta spendendo con zelo per affermarsi come re di un metaverso centralizzato, in cui tutte le attività e le transazioni avvengono tra le mura di enormi regni virtuali; altri immaginano il metaverso come un’utopia decentralizzata in cui i giocatori attraversano liberamente una miriade di piattaforme, portando con sé i propri oggetti digitali e dati preziosi.

“È un’epoca feudale”, ha predicato Yat Siu, co-fondatore di Animoca Brands, la società madre dietro a giochi metaversi come Axie Infinity e The Sandbox, in una recente conferenza al 3D Tech Festival 2021. “Stiamo costantemente cedendo la nostra risorsa più preziosa [i dati personali] alle piattaforme. Il risultato è il massiccio arricchimento di queste piattaforme. Ma questo sta cambiando. Stiamo andando in giro per i servi della gleba e i contadini del mondo, dicendo che dovresti possedere la tua proprietà. Non lavorare per il padrone di casa, lavora per te stesso. Questa [decentralizzazione del metaverso] è una rivoluzione. Una rivoluzione senza sangue. “

Dolce & Gabbana ha recentemente fatto il suo ingresso in questo mondo ed è un buon indicatore che la guerra è iniziata. La mossa dell’icona dell’haute couture rende un caso forte che i più grandi marchi di moda manterranno la loro influenza in questa nuova era.

MacKinnon-Lee spera di no.

La prodigiosa quantità di scritti che pubblica quasi quotidianamente sul blog di Digitalax, e nella rivista mensile del metaverso DIGIFIZZY, è carica di riferimenti alla “democratizzazione” e “anarchia”. La maggior parte del vertiginoso numero di progetti dell’azienda si concentra sulla diffusione della moda digitale al popolo (per esempio, modelli economici cooperativi che permettono ai designer indipendenti di collaborare su pezzi e condividere la proprietà e le royalties).

MacKinnon-Lee è australiana; ha studiato ingegneria aerospaziale all’Università di Sydney prima di abbandonare gli studi per lavorare per un fondo di criptovalute specializzato in black swan hedging: scommettere su gravi fluttuazioni di mercato causate da eventi estremamente rari e imprevedibili. Poi ha iniziato Digitalax.

Questa traiettoria non è casuale: MacKinnon-Lee sta scommettendo che l’industria della moda sta per subire un cambiamento sismico, grazie al metaverso; un cambiamento che potrebbe mettere in palio trilioni di dollari. E sta facendo tutto il possibile per rendere questa possibilità una realtà.

“Stiamo costruendo un’industria della moda… su principi nativi decentralizzati”, dice MacKinnon-Lee. “Per dare potere a designer, creatori, collezionisti, indossatori. Invece di una moda estrattiva e sfruttatrice, con solo pochi marchi in cima, che fanno la parte del leone”.

L’alba dell’era digitale della moda

Cos’è esattamente la moda digitale?

Il termine, come tutto il resto nel metaverso, si sta ancora solidificando. Finora è arrivato a riferirsi a qualsiasi pezzo di abbigliamento creato in parte, o interamente, nel regno digitale. Questo potrebbe significare indumenti fisici con controparti digitali, filtri AR che aumentano l’aspetto nelle foto o nei video dal vivo, o armadi completamente digitali per gli avatar nei giochi online e nei metaversi.


“Quando ho iniziato, ho parlato con i miei cugini di undici anni, e hanno detto, questo ovviamente ha senso per noi”, ricorda Daniella Loftus, un membro di Red DAO, il collettivo di criptovalute che ha spazzato via l’asta di Dolce & Gabbana con 1,9 milioni di dollari di acquisti, inviando onde d’urto attraverso il mondo della moda. Ma tutti gli altri dicevano: “Non ho idea di cosa tu stia parlando. I miei cugini, però, hanno comprato delle skin in Fortnite. E se non avevi la skin giusta in Fortnite, venivi sbattuto nel parco giochi”.

Ci saranno tre miliardi di giocatori entro il prossimo anno, secondo uno studio di Newzoo E come dice Loftus: “La gente avrà bisogno di indossare qualcosa”.

I membri di Red DAO vedono il loro ruolo nello spazio della moda digitale come profondamente intrecciato con la promozione dell’utilità dei NFT indossabili. “Non siamo qui solo per comprare un mucchio di NFT e sedercisi sopra e girarli”, dice Megan Kaspar, un altro membro di Red DAO.

La scorsa settimana, Kaspar è diventata probabilmente la prima persona a indossare la moda digitale in diretta TV. Per un servizio su Yahoo Finance, ha indossato una corona di onice, orecchini d’oro, e una massiccia collana verde e viola che sembrava non dissimile da un esoscheletro alieno. Il tutto è stato realizzato dal rivenditore di moda digitale DRESSX


L’asta D&G ha attirato un’attenzione e un capitale senza precedenti sulla moda digitale. Ma se i marchi di moda tradizionali come D&G vogliono ottenere il loro pezzo di torta digitale, potrebbero presto dover scegliere da che parte stare nella guerra per il metaverso.

Forse sorprendentemente, i loro interessi potrebbero allinearsi più con i perturbatori decentralizzanti come Digitalax, che con i colossi come Facebook.

“Non voglio comprare scarpe Gucci su ogni singola piattaforma”, dice Kaspar. “Vorrai comprarne un paio ed essere in grado di spostarlo e venderlo. “

Il punto di svolta dell’interoperabilità

Sta parlando di interoperabilità, uno dei punti centrali di tensione nel dibattito sul metaverso. Gli aspiranti Lannister del web 3, come Facebook, preferirebbero che i beni virtuali non fossero in grado di attraversare agevolmente le piattaforme. Per queste aziende, l’interoperabilità significherebbe meno controllo sui venditori e sui prodotti. I sostenitori della decentralizzazione, d’altra parte, ritengono che la capacità di portare i propri oggetti con sé, ovunque si vada, dovrebbe essere uno dei diritti fondamentali di un metaverso democratizzato. I pezzi di moda digitale sono alcuni dei primi prodotti a porre questa domanda; e attualmente, non possono muoversi liberamente.

Gli oggetti dell’asta D&G erano disponibili solo per i loro vincitori su una singola piattaforma di gioco a scelta del vincitore. Questo non è l’ideale per chiunque desideri pavoneggiarsi nel metaverso con un costoso bene digitale di lusso; vorrai che la tua pochette digitale di Gucci venga con te da Brentwood virtuale a WeHo virtuale. Quindi l’ingresso di marchi tradizionali come D&G nella sfera digitale può accelerare la pressione per gli sviluppatori riluttanti ad abbattere i loro muri.

“Nel 2021, siamo molto più vicini dell’anno scorso a quel punto di svolta”, dice Sebastien Borget, co-fondatore del gioco metaverso The Sandbox. “Abbiamo visto negli ultimi dieci mesi un’accelerazione nel numero di marche, marche fisiche, che hanno accettato di venire in un metaverso basato su NFT. Entro il prossimo decennio, sono ottimista, questo sarà già successo. E le aziende che non l’hanno abbracciato vedranno un grande calo o declino”.

Forse il più grande ostacolo a questo proposito è tecnico. Attualmente, nessun formato di file permette allo stesso vestito di attraversare senza problemi tutte le principali piattaforme, di esistere senza problemi nel pixelato Minecraft e nei vividi paesaggi tridimensionali di Fortnite. Qualunque sia la magia che ha permesso a Bugs Bunny di correre attraverso ogni stile di pittura appeso al Louvre, questo è il santo graal per il metaverso. Ed è in testa a tutti nella moda digitale.

“Se si potesse costruire un unicode per la moda digitale, sarebbe letteralmente l’invenzione più brillante di sempre”, dice Loftus. La sua voce praticamente sviene alle implicazioni. “Questo deve accadere. “

La grande arma

MacKinnon-Lee sta cercando di costruirla. La grande arma. Il suo team alla Digitalax sta girando l’angolo su un formato di file 3D interoperabile che chiamano DASH, che sostengono permetterà ai pezzi di moda digitale di navigare senza problemi su tutte le piattaforme di gioco.

Proprio la scorsa settimana, Digitalax ha lanciato DASH DAO, un DAO (organizzazione autonoma decentralizzata) destinato a sostenere e incentivare il lancio del programma. Attualmente sta mettendo a punto il programma e non ha ancora dato una linea temporale per il suo rilascio. Quando arriverà, la scelta di accettare o resistere all’interoperabilità sarà inevitabile. E la moda sarà il probabile terreno, certamente il più appariscente, su cui sarà combattuta quella battaglia critica per il destino del metaverso.

E se, al momento della verità, alcune aziende resistessero alla marea della decentralizzazione? “Non c’è futuro per quelle persone”, dice MacKinnon-Lee. Tende a battere il piede, ma questo si ferma quando parla della guerra per il metaverso: “[Le migliori aziende], sono così accecate dal pensare che le cose non cambino. Non sentono lo spostamento tettonico sotto di loro. Dodici mesi fa, se me lo aveste chiesto, avrei detto forse in cinque anni, ma ora dopo aver visto cosa è successo con il mercato, non c’è modo. È l’anno prossimo, sta arrivando molto più velocemente di quanto pensiamo”.

Gli occhi di MacKinnon-Lee si illuminano quando parla di rovesciare le aristocrazie del web 2, della moda. La sua voce diventa più calma. “Sarà il più grande arbitraggio della storia, letteralmente, e quando la gente se ne renderà conto, allora sarà troppo tardi. “

Related Posts

Leave a Comment