Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Cardano (ADA) raggiunge il limite delle transazioni - anche se non succede quasi nulla - Today's Crypto News
Home » Cardano (ADA) raggiunge il limite delle transazioni – anche se non succede quasi nulla

Cardano (ADA) raggiunge il limite delle transazioni – anche se non succede quasi nulla

by Christian

No scaling, no smart contracts, no dapps: Con il “killer di Ethereum” Cardano (ADA) da 70 miliardi di dollari, molto rimane notevolmente al di sotto di quanto promesso. Ma gli annunci corposi mantengono la comunità felice e il prezzo alto. E in qualche modo – tutto questo ci sembra molto familiare.

Quelli che parlano in grande devono essere misurati con loro. Quando una moneta come Cardano (ADA) sostiene di essere migliore di Bitcoin, Ethereum e ogni altra blockchain, la caduta da cui precipita è già molto alta. Se ha anche raggiunto una capitalizzazione di mercato di 70 miliardi di dollari, che la rende più importante di Bayer, Adidas o BASF, allora deve fare qualcosa per giustificare tutto questo.

Ma in nessun’altra parte dell’ecosistema crypto il divario tra aspirazione e realtà è così ampio. Quanto ampia è dimostrata da una discussione nel github di Cardano, che evidenzia non solo una, ma diverse debolezze tecniche della criptovaluta, che vanta una competenza tecnica e una meticolosità scientifica come nessun’altra.

La discussione riguarda il modo di dare priorità alle transazioni. Perché Cardano ha recentemente raggiunto il limite di capacità, e aumentare la capacità è fuori questione, altrimenti l’esecuzione dello script potrebbe richiedere troppo tempo. Così gli sviluppatori stanno discutendo di smistare le transazioni attraverso un mercato a pagamento invece di elaborarle man mano che si verificano, come fanno ora.

Un mercato a pagamento, come è stato a lungo standard su Bitcoin, Ethereum e ogni altra blockchain semi-matura.

Un millesimo di quanto promesso?

L’intera faccenda è piuttosto eccitante e imbarazzante. E per un paio di ragioni. In primo luogo, perché Cardano sostiene di essere meglio di Ethereum, o meglio di tutte le altre blockchain, in parte perché scala in modo favoloso. “Ouroboros [l’algoritmo di consenso, CB] permette a Cardano di scalare alla scala globalmente necessaria con requisiti minimi di energia”, scrive il sito web cardano.org. E secondo il fondatore di Cardano, Charles Hoskinson, la blockchain “fa il culo a Ethereum 2.0” con fino a 1000 transazioni al secondo.

Bene. Attualmente, tuttavia, il limite attuale delle transazioni, si apprende nella discussione su Github, è – beh, cosa ne pensate? Corretto: da 0,2 a 6,5 transazioni al secondo. E apparentemente non si può fare nulla per cambiare questo al momento, a causa di limiti tecnici. Questo perché la tecnicamente migliore di tutte le blockchain ha già dimostrato cosa può fare.

È vero, si tratta di una vera e propria fetta al di sotto di quanto promesso, circa tre ordini di grandezza. Ma, assicura Charles Hoskinon in un breve video messaggio dal suo viaggio in Africa, tutto è meraviglioso. Si possono cambiare i parametri, ma non si vuole, perché prima Cardano dovrebbe diventare smart-contract-capable, e poi si scala quando il volume delle transazioni aumenta. Quindi tutto sta andando esattamente secondo i piani.

Che ci porta al secondo posto: Cardano, il killer di Ethereum numero 1 per capitalizzazione di mercato, non solo scala peggio di Ethereum, che gestisce circa 15 transazioni al secondo – ma non ha nemmeno quello che rende Ethereum così unico e che è per definizione il requisito minimo per un “killer di Ethereum”: i contratti intelligenti.

Ma non c’è stato un aggiornamento a settembre, l’hard fork Alonzo, che ha introdotto i contratti intelligenti, e che Hoskinson dice che ha inaugurato una nuova era, non solo per Cardano, ma per la blockchain e il mondo intero? Non c’era qualcosa lì?

Così la società IOHK di Hoskinson scrive che Alonzo “permetterà l’implementazione di contratti intelligenti su Cardano” e “abiliterà numerose applicazioni DApps e Decentralized Finance (DeFi)”.

Ma in qualche modo non è così. Non sono abbastanza addentro alla questione, ma in qualche modo ho sentito che Alonzo ha introdotto solo una parte dei contratti intelligenti, ma non ancora il programma completo. Si suppone che ci sia un aggiornamento di Goguen in arrivo in qualche modo…

Quindi la quarta criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato non è affatto pronta. Non solo non è perfetto, ma non può assolutamente fare quello per cui è stato pubblicizzato. E questo dopo ben quattro anni di sviluppo!

La vendetta di UTXO

Ma almeno Alonzo ha sbloccato alcuni contratti intelligenti – abbastanza per sfatare la presunta tecnologia superiore di Cardano. Dopo tutto, una delle cose che rende gli Smart Contracts così potenti è la DeFi – il mondo della finanza decentralizzata. Per essere un serio concorrente di Ethereum, una blockchain deve essere DeFi-enabled. Ma ora si scopre che il sistema UTXO della blockchain sta ostacolando lo sviluppo di DeFis su Cardano.

UTXO è il sistema usato anche da Bitcoin: le monete sono assegnate a un indirizzo. Queste monete possono essere spese solo una volta, e il resto viene restituito come resto. Un po’ come i contanti sono un portafoglio. Un sistema di conti come Ethereum, d’altra parte, utilizza un indirizzo come un conto da cui è possibile inviare somme, analogo a un conto bancario.

Ora, tuttavia, si scopre che mentre un sistema UTXO è buono per dare agli utenti privacy con alta trasparenza in una blockchain di pagamento puro come Bitcoin. Ma se vuoi costruire contratti intelligenti DeFi – o, più in generale, lavorare con i contratti intelligenti – un sistema UTXO rende tutto molto peggiore e più macchinoso. Perché ogni UTXO può essere consumato solo una volta prima di essere confermato da un blocco. Uno smart contract costruito molto semplicemente può quindi elaborare solo una transazione per blocco, e quelle che si rivolgono allo stesso UTXO che è già stato consumato devono mettersi in coda. Questo è più o meno quello che è successo con una delle prime DApps su Cardano.

Naturalmente, è ancora possibile aumentare il throughput dei contratti intelligenti. Ma il ridimensionamento è molto più ingombrante e complicato.

Un deserto di buone notizie e un grande DJ

Con questo in mente, non è sorprendente che il paesaggio Cardano-Dapp sia un deserto giusto. È abbastanza difficile trovare applicazioni e progetti attivi su Cardano


Il sito ufficiale, cardano.org, mostra molte idee di applicazioni ma nessun utente. Non c’è quasi nulla sulle applicazioni reali nel sub Reddit di Cardano – è per lo più sui prezzi e sui nuovi video di Charles Hoskinson. Sulle solite classifiche Dapp, come Dapp-Radar, DeFi-Rate, Dapp.com, Stateofthedapp e così via – si scoprono token, DeFis e Dapp su Ethereum, la Smart Chain di Binance, EOS, Tron, Polygon, Avalanche, anche su esotiche, piccole catene come ICON, Klaytn, Flow, Wax, Hive e altri. Ma da nessuna parte una traccia del più grande e forte killer di Ethereum per capitalizzazione di mercato: di Cardano.

Dapp-Radar quindi anche blog un po’ beffardo sulla promessa di Charles Hoskinson che ci saranno 1000 Dapps su Cardano a metà del 2021: “Naturalmente, Hoskinson sa meglio di noi quanto sia grande l’interesse degli sviluppatori Dapp in Cardano. Un altro avvertimento è che Dapps non può nemmeno andare live su Cardano ancora fino a quando non c’è funzionalità di contratto intelligente, che sarà sbloccato solo con l’aggiornamento Goguen. Non siamo sicuri di quando sarà. Nonostante tutto, c’è una cosa che conosciamo bene su DappRadar – Dapps … E pensiamo che la sua previsione di ‘migliaia di Dapps’ su Cardana è altamente implausibile. “


Dopo tutto, si scoprono 62 DApps su Cardano-Crowd. Tuttavia, se guardate le dapps DeFi e Exchange, per esempio, troverete che tutte copiano Uniswap a prima vista, ma a seconda vista non sono ancora utilizzabili del tutto: Maladax, SundaeSwap, MineSwap, Liqwid Finance – tutti che promettono di andare presto in diretta, nessuno dei quali è già in funzione.

L’unica cosa che sembra essere già in funzione sono gli NFT, “token non fungibili”, oggetti da collezione, la tendenza blockchain dell’anno. Cardano-Crowd mostra alcune piattaforme, la panoramica dell’ecosistema su Github un po’ di più. Ci sono numerose piattaforme per scambiare NFT, come Tokhun o CNFT, e alcune per coniarli. Ma questo sembra una copia di quello che gira su Ethereum. Non sono abbastanza in profondità per vedere se sta succedendo qualcosa di veramente innovativo, ma per quanto io segua le notizie intorno agli NFT, nessun artista veramente prominente ha ancora rilasciato un NFT su Cardano, e nessuna tendenza forte è scoppiata, come CryptoPunks.

Nonostante ciò, gli spiriti di Cardano rimangono alti e gli influencer e i fan di Cardano rimangono fedeli alla loro blockchain. Dopo tutto, c’è stato il recente Cardano Summit, un summit globale della scena Cardano, dove anche Charles Hoskinson stesso si è messo dietro i giradischi.

E naturalmente la sua azienda, IOHK, scrive sempre sul blog di nuovi progetti super eccitanti: Una partnership con Oasis Pro Market, lo sviluppatore AI Grace, un fondo blockchain in Africa, il governo dell’Etiopia, la formazione di una UTXO Alliance che include Cardano e alcune altre blockchain UTXO in gran parte oscure, e così via…

Un modello popolare

Quello che funziona una volta, funziona ancora e ancora nello spazio blockchain. Se Dogecoin funziona, lo stesso vale per la moneta Shiba-Inu. Se una ICO funziona, lo stesso vale per centinaia di altre. Se i CryptoPunks spaccano, lo stesso vale per i Pudgy Penguins.

Il concetto di base di Cardano sembra familiare: Abbiamo un fondatore eccentrico e narcisista di una blockchain che può essere brillante, ma non così brillante come lui e i suoi seguaci pensano che sia. Finge che le criptovalute sono tutte sulla tecnologia, piuttosto che sul marketing e sugli effetti di rete, e promette di costruire la blockchain tecnologicamente molto-molto-migliore che, una volta pronta, farà cadere nella sabbia tutte le altre catene.

Una capriola ironica dopo, la criptovaluta raggiunge proprio l’effetto rete che nega a causa di questa affermazione, ma piuttosto prendendo una scorciatoia. Dove Bitcoin si è affermato come mezzo di pagamento e riserva di valore per più di un decennio, ed Ethereum è diventato un rifugio per innovazioni blockchain sempre nuove, la nostra criptovaluta raggiunge i suoi effetti di rete sostenendo di essere in grado di fare tutto questo meglio in futuro. Praticamente parassita gli effetti di rete degli altri mentre ne parla male pubblicamente. Gli attacchi laterali contro le debolezze di Bitcoin ed Ethereum sono standard.

Nel frattempo, la tanto sbandierata tecnologia risulta essere sempre più uno scoppio di tubi, se mai verrà terminata. La ragione è di solito la costrizione a continuare a reinventare la ruota. La tecnologia non è solo abusata per promuovere il meme della migliore moneta tecnica di sempre, ma anche per servire il narcisismo del suo fondatore. Tutto deve essere diverso, migliore e più originale degli altri. Vengono prese decisioni di design esotiche che sono in qualche modo benefiche a livello esoterico, ma complicano e di fatto peggiorano praticamente tutto, dall’algoritmo crittografico al linguaggio di programmazione dei contratti intelligenti alla guida del consenso.

Questo concetto per una criptovaluta è generalmente più fattibile di quanto dovrebbe essere. Cardano non è la prima moneta che questo concetto ha ispirato, e non sarà l’ultima. Forse tutto questo è un effetto collaterale necessario di un mercato vitale e fiorente, e la valutazione scandalosa che il mercato concede alla sperimentazione tecnologica può essere molto fruttuosa. Ma quando una criptovaluta diventa così una blockchain da 70 miliardi di dollari, fornisce la prova definitiva di quanto il mercato delle criptovalute sia in una bolla.

Con questo, almeno, abbiamo una cosa che Cardano fa davvero bene.

Related Posts

Leave a Comment