Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
La bizzarra ascesa della 'Cittadella del Bitcoin' - Today's Crypto News
Home » La bizzarra ascesa della ‘Cittadella del Bitcoin’

La bizzarra ascesa della ‘Cittadella del Bitcoin’

by Christian

Ben Munster va alla ricerca della Cittadella del Bitcoin, dove “l’asservimento eterno dell’umanità a una piccola élite” è il sogno utopico dei massimi del Bitcoin.

Nel 2013, un Redditor che si fa chiamare Luka Magnotta, sperando che non sia il condannato canadese per omicidior, ha consegnato una minacciosa fantasia di un futuro in cui i Bitcoiners regnano sovrani.

Fingendosi un viaggiatore del tempo dell’anno 2025, Magnotta ha descritto quell’anno come una distopia selvaggiamente iniqua divisa tra gli investitori di Bitcoin e tutti gli altri. Nella sua immaginazione, Bitcoin già nel 2013, mostrando segni della sua straordinaria tendenza al rialzo sarebbe diventato così prezioso che solo le persone e le nazioni che accumulano la loro ricchezza in esso sarebbero sopravvissute. I governi, incapaci di tassare i possedimenti di Bitcoin, crollerebbero. Regimi autoritari come la Corea del Nord e l’Arabia Saudita, che sono stati in grado di accumulare Bitcoin, ascenderebbero.

Il post di Magnotta è stato molto popolare, con gli appassionati di Bitcoin che si sono concentrati su un aspetto in particolare: La Cittadella del Bitcoin.

Magnotta scrisse che in futuro il Bitcoin sarebbe diventato così prezioso che i ricchi possessori, in pratica chiunque possedesse più di 0,1 BTC nel 2013 e non l’avesse bruciato tutto con il crack, si sarebbero isolati in fortezze lontane e città stato. Sarebbero armati fino ai denti; paranoici oltre ogni misura; perseguitati dai terroristi (Magnotta racconta che i Winklevii, tragicamente, sono tra i più importanti Bitcoiners ad essere assassinati per le loro partecipazioni). Ma sarebbero anche gloriosamente autosufficienti; inoculati contro il collasso sociale su larga scala; gioiosamente, libertariamente, soddisfatti.

Farsi un’idea sbagliata

Ovviamente, la visione delineata da Magnotta era intesa come distopica. L’ha descritto come “l’eterno asservimento dell’umanità ad una piccola élite”, supplicando i lettori di “distruggere questo progetto dimenticato da Dio nella sua infanzia”.

Ma alcuni Bitcoiners sembrano essersi fatti un’idea sbagliata.

Hanno amato la visione della Cittadella del Bitcoin, che da allora è diventata un meme selvaggiamente popolare e ben trafficato nella comunità. Cerca “Bitcoin Citadel” e ti imbatterai rapidamente in molte prese di posizione apparentemente sincere sulla fornitura di energia della Cittadella (il nucleare sembra l’opzione preferibile), lo scouting delle location della Cittadella (il castello di Edimburgo sembra bello, ma forse anche … le Piramidi? ), e dichiarazioni che ora abbiamo la Cittadella ed è la nazione di El Salvador


Man mano che l’ascesa di Bitcoin è progredita in modo esponenziale, i contorni del sogno della Cittadella hanno assunto un tono commensurato. Sono stato colpito da un recente post dello stucchevole e poco divertente “Bitcoin Meme Hub” l’altro giorno che sembrava suggerire la serie distopica di Netflix “Squid Game” come qualcosa a cui aspirare: “L’iperbitcoinizzazione sarà gloriosa e divertente. Pensa solo a tutti [sic] i nocoiners che saranno in competizione per qualche milione di Sats per sopravvivere SatsGame“.

Malato, fratello!

Ci sono stati persino mormorii oscuri su una sottoclasse di “schiavi no-coiner” al servizio di questa élite marmorizzata. La pura amarezza che i Bitcoiners hanno verso i miti amministratori di sistema che scrivono blog meschini su di loro…

Quindi la domanda è: quanto è serio questo discorso della Cittadella?

Prendendo le cose troppo alla lettera

Molti sostenitori di Bitcoin sono comprensibilmente pronti a sottolineare che l’intera faccenda è figurativa. Mentre la nozione di Cittadella è più di un semplice meme, Nic Carter, uno schietto mega-toro di Bitcoin, mi ha detto che è soprattutto un “eufemismo per secessione / balcanizzazione. I Bitcoiners generalmente non hanno una tonnellata di fiducia nella capacità del governo di gestire la moneta e allocare le risorse, quindi il desiderio naturale è quello di localizzare e ottenere un maggiore controllo sull’allocazione”.

Ma “non è destinato ad essere preso alla lettera”, ha ribadito. “È fondamentalmente una metafora per l’individuo sovrano”. La Cittadella “è una visualizzazione del tipo di mondo che vogliono veramente costruire un mondo pieno di Singapores, fondamentalmente”.

Il lobbista dell’industria del Bitcoin Neeraj K. Agrawal è stato un po’ più schietto. “È un modo per visualizzare e contestualizzare la ricchezza promessa”, mi ha detto.

Lui stesso, se potesse, vivrebbe in una di queste?

“Una gigantesca casa di supercattivi? La desidero”, ha detto.

“Quanti schiavi no-coiner possiedi?” Chiesi con cautela, pensando alle possibilità di impiego ….

Ma Neeraj fece spallucce. “Per come la vedo io”, disse, “tu ci saresti, ma l’accordo sarebbe volontario”. Cioè, se volessi mangiare, mi offrirei volontario per “lavorare”.

Da sempre, i libertari hanno sognato questo tipo di micro-comunità coccolate, e ciò si accorda perfettamente con la loro duplice serie di credenze politiche: lasciatemi al diavolo e divertitevi a rimanere poveri. E, cosa piuttosto inquietante, i crittografi si stanno effettivamente avvicinando a costruire queste cose.

C’era Bitcointopia, per esempio, che prevedeva la vendita di grandi tratti di terreno in cambio di Bitcoin. C’era la “nave da crociera Satoshi”, che era una specie di conferenza cripto-marina, e un disastro

Non ci sono solo i Bitcoiners, anche i fan delle altcoin. Considerate la “Blockchain City” che si suppone sia stata costruita nel deserto del Nevada da un avvocato diventato milionario della crittografia. E poi c’è l’apoteosi: El Salvador, quel piccolo paese dell’America centrale che Nayib Bukele e i Bitcoiners hanno trasformato in un laboratorio di esperimenti monetari squilibrati. E naturalmente c’è la Bitcoin City di Francisco Suarez: Miami.

Benvenuti a Satoshi Shores!


La domanda rimane ancora: Verranno costruite delle vere cittadelle Bitcoin?

Girando su internet alla ricerca di indizi, mi sono imbattuto in una società chiamata “Satoshi Shores”, un progetto che sta attivamente sfruttando il marchio Citadel. Ancora in lavorazione, è il “primo resort Bitcoin del mondo [sic] dove gli appassionati di blockchain e criptovalute possono fare rete nel lusso”. Non è “un qualsiasi resort per il tempo libero. È il primo del suo genere, l’unico resort di lusso dedicato agli utenti di Bitcoin in tutto il mondo”. Si descrive anche come “The Crypto Citadel”.

Chiedendomi se stessero assumendo (e pensando che forse potrei intervistarli), ho inviato un’email. È stata respinta.

Forse sono falliti. O forse hanno paura della stampa libera. Più probabilmente, però, sono seduti nella loro torre d’avorio (un resort incompiuto) e non hanno bisogno di parlare con qualche giornalista scribacchino.

È il sogno dei Bitcoiner, in realtà: essere fortificati, pesantemente armati e abbondantemente riforniti; fuori dalla rete e non rispondere alle e-mail; in una totale rimozione dal resto della società civile.

È un bene per loro, e ancora meglio per il resto di noi.

Related Posts

Leave a Comment