Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Il Ministero della Giustizia della Renania Settentrionale-Vestfalia vende portafogli di carta - Today's Crypto News
Home » Il Ministero della Giustizia della Renania Settentrionale-Vestfalia vende portafogli di carta

Il Ministero della Giustizia della Renania Settentrionale-Vestfalia vende portafogli di carta

by Patricia

Sul suo sito di aste, il Ministero della Giustizia della Renania Settentrionale-Vestfalia mette all’asta Bitcoin per la prima volta. Un totale di 465 monete confiscate dalla polizia ai criminali informatici cambieranno di mano attraverso la piattaforma. È ancora un ministero della giustizia – o è già uno scambio di Bitcoin? E come si occupa il sistema giudiziario della regolamentazione?

Lunedì 25 ottobre, lo stato tedesco è entrato ufficialmente nella cerchia dei commercianti di Bitcoin. Vale a dire, il Ministero della Giustizia del Nord Reno-Westfalia sta mettendo all’asta online i Bitcoin confiscati dalla polizia. Così, il sito di aste del Ministero della Giustizia diventa virtualmente uno scambio di Bitcoin.

Il punto centrale e di contatto per la criminalità informatica (ZAC NRW) ha confiscato bitcoin “per un valore di otto cifre in euro” da varie indagini, spiega il ministro della giustizia NRW Peter Biesenbach in una conferenza stampa. Ha annunciato che questa probabilmente non sarà l’ultima volta che sarà fatto, il che significa che il sito web della magistratura potrebbe anche diventare un luogo permanente per acquistare Bitcoin.

Bitcoin è, come pubblicizza Binsenbach, la valuta di riserva tra le criptovalute e come tale estremamente popolare – anche se non solo tra i partecipanti legittimi del mercato, ma “purtroppo anche tra i criminali”. Le monete possono essere utilizzate in modo anonimo, non c’è l’obbligo di identificarsi. Questo rende i Bitcoin il sogno di ogni criminale informatico.

Un totale di 215 copie di questa chimera sono in vendita, e altre 250 saranno presto “riciclate”. Insieme, questi due pacchetti valgono oggi circa 25,5 milioni di euro. “La somma è fiscalmente significativa, ma è anche una prova – una prova preoccupante – delle somme che vengono fatte ora da tutte le manifestazioni del crimine digitale”, commenta Biesenbach.

Lo sfruttamento dei beni cripto confiscati è “legalmente abbastanza complesso”, spiega Markus Hartmann, che dirige la ZAC come procuratore senior. In particolare, aggiunge il suo collega Andreas Brück, la legge stabilisce che nel caso di beni confiscati, l’asta deve avere la priorità. Finora, i Bitcoin confiscati sono stati comunque venduti sul mercato perché mancavano le possibilità tecniche di un’asta.

Con una procedura appositamente sviluppata, questo può ora essere fatto, dice Hartmann. Così facendo, ci si affida alla presenza su internet del Ministero della Giustizia per garantire che tutti “i requisiti legali del codice di procedura penale e del codice di esecuzione penale siano pienamente rispettati”.

Da lunedì, le prime 15 offerte per i Bitcoin sono state elencate sul sito di aste. Il pacchetto più grande comprende 10 monete, più tre offerte per 1 moneta, sei per 0,5 e cinque per 0,1. Alcune delle offerte attuali sono al di sotto del prezzo di mercato di circa 54.000 euro per bitcoin oggi, per esempio per i dieci bitcoin per i quali l’offerta più alta è attualmente 503.520 euro. In alcuni casi, soprattutto per le piccole tranche, le offerte superano notevolmente il prezzo di mercato, come quando qualcuno offre 6.520 euro per 0,1 bitcoin.


Questi 16,5 Bitcoin sono ovviamente solo un segnale di partenza. Quasi 200 altre monete seguiranno nell’immediato futuro, altre 250 un po’ più tardi, e presumibilmente la polizia dello stato assicurerà anche una fornitura costante. Inizialmente, NRW metterà all’asta solo i bitcoin, dato che sono la valuta principale più frequentemente confiscata nel cybercrimine. Ma ha anche altre criptovalute che saranno sfruttate in futuro.

Il sito di aste assomiglia un po’ a un mercato un po’ datato per i Bitcoin. Ricorda il tempo in cui i Bitcoin erano ancora vagamente venduti tramite Ebay o siti web piuttosto amatoriali. La particolarità del sito di aste è che permette un commercio relativamente privato. Se non fosse per la magistratura stessa, si sospetterebbe un mercato non regolamentato, semi-legale, un po’ sospetto, basato in un paradiso fiscale e regolamentare.

Soprattutto, la procedura KYC (Know Your Customer) è incredibilmente moderata rispetto a ciò che è comune in Germania. Su Bitcoin.de, è stato possibile per molto tempo commerciare fino a certi importi annuali abbastanza gestibili con una luce KYC, dove la verifica attraverso un SMS e il conto bancario era sufficiente per il momento. Tuttavia, questo tipo di KYC non è più possibile per ragioni normative. Oggi, niente funziona senza una verifica completa.

Sul sito di aste di Justiz NRW, invece, è possibile registrarsi e fare offerte con nient’altro che un indirizzo e-mail. Se sei il miglior offerente alla fine dell’asta, devi pagare la somma tramite bonifico bancario. Così avremmo una specie di KYC light, anche se senza SMS – e con importi superiori a mezzo milione di euro. Nel settore privato, le autorità di controllo difficilmente tollererebbero un KYC così lassista.

Tuttavia, l’acquirente non riceve i Bitcoin immediatamente – deve ritirarli presso l’ufficio del pubblico ministero di Colonia. Presumibilmente, la procura vuole assicurarsi di poter controllare indipendentemente l’identità dell’acquirente.

Tuttavia, questo potrebbe anche essere visto come una mossa intelligente da parte del Ministero della Giustizia per aggirare elegantemente i “requisiti di diligenza rafforzati per il trasferimento di criptovalute” che sono entrati in vigore all’inizio di ottobre. In realtà, le borse e le altre piattaforme di trading devono documentare le transazioni in uscita in modo molto preciso per rispettare la “Travel Rule” del GAFI.

Ma la ZAC non invia bitcoin – vende portafogli di carta. “L’importo è assicurato su un portafoglio di carta ufficiale presso la ZAC NRW”, spiega il sito d’aste, che è molto trasparente sull’indirizzo. Il trasferimento avviene “tramite consegna personale del portafoglio cartaceo, compresa la chiave privata necessaria per l’ulteriore smaltimento, presso l’ufficio della procura di Colonia”. Se lo si desidera, si può anche effettuare un trasferimento elettronico, ma solo dopo la video identificazione dell’acquirente.

Questo modulo permette alla ZAC, spiega Andreas Brück, di applicare le stesse procedure di sicurezza che per le merci analogiche – e di garantire lo stoccaggio di grandi beni.

Related Posts

Leave a Comment