Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Mastercard integrerà Bitcoin e altre criptovalute - e lo farà bene - Today's Crypto News
Home » Mastercard integrerà Bitcoin e altre criptovalute – e lo farà bene

Mastercard integrerà Bitcoin e altre criptovalute – e lo farà bene

by Patricia

Il fornitore di carte di credito Mastercard permetterà a commercianti e banche di integrare le criptovalute nei loro prodotti: Dai portafogli per le banche ai punti premio per i commercianti. E quando Mastercard dice “criptovalute”, questa volta intende effettivamente Bitcoin e altre criptovalute reali.

Anche uno dei più grandi fornitori di pagamenti al mondo può essere una bandiera al vento. Mastercard, uno dei due principali fornitori di carte di credito insieme a Visa, cambia la sua posizione sulle criptovalute ogni pochi mesi.

Nel febbraio di quest’anno, Mastercard ha annunciato che avrebbe integrato le criptovalute, ma ha lasciato intendere abbastanza chiaramente che si sarebbe concentrata sulle stablecoin, che sono buone per i pagamenti a causa della loro stabilità. E solo due anni prima, Mastercard è diventata membro della Fondazione Libra-ora Diem di Facebook, solo per ritirarsi di nuovo in autunno quando la pressione politica contro gli ancora irrealizzati “sugar bucks” è diventata troppo grande.

E ora questo. Dopo digressioni su Libra e Stablecoins, Mastercard atterra dove risiede il cuore della crittografia: il bitcoin.

CNBC riporta che Mastercard sta per annunciare che presto “una qualsiasi delle migliaia di banche e milioni di commercianti sulla sua rete di pagamento sarà in grado di integrare cripto nei loro prodotti”.

Questo include – tenetevi forte: “Portafogli di Bitcoin, carte di credito e di debito che guadagnano crypto come premi e permettono di spendere i beni digitali, e programmi di royalty dove i punti della compagnia aerea o dell’hotel possono essere convertiti in bitcoin”.

Di nuovo, Mastercard vuole permettere ai suoi partner – i commercianti che accettano denaro tramite Mastercard, così come le banche che emettono le carte – di integrare portafogli bitcoin nei loro prodotti, aggiungere criptovalute ai programmi di royalty, e portare bitcoin e altri pagamenti “asset digitali” alle carte. Questo non è solo qualcosa – questo è molto di più di quello che chiunque avrebbe potuto sperare o desiderare.

Mastercoin ha osservato il mercato per molto tempo. Se l’azienda ora decide di accendere una strategia di così ampia portata che si basa così pesantemente su criptovalute reali come Bitcoin, sarà basata su ragioni solide e una solida pianificazione. Mastercard non sta solo inseguendo PayPal, lo sta superando. L’azienda prevede di diventare il fornitore di pagamenti che per primo salta nel vuoto che continua a separare banche e commercianti da Bitcoin. Mastercard ha già accettato che il bitcoin, piuttosto che dollari o euro, è il futuro, e sono pronti ad assumere il ruolo che una rete di carte di credito può svolgere nella trasformazione globale verso lo standard bitcoin. Qualcuno lo farà – deve farlo – quindi è meglio essere il primo. Non si tratta di idealismo – si tratta di affari e di sopravvivenza.

“Vogliamo permettere a tutti i nostri partner di integrare facilmente i servizi di crittografia in qualsiasi cosa stiano facendo”, spiega Sherri Haymand, vicepresidente delle partnership digitali di Mastercard. “I nostri partner, che siano banche, fintech o commercianti, possono ora offrire di comprare, vendere e detenere criptovalute per i loro clienti. Questo è reso possibile grazie all’integrazione con la piattaforma Bakkt”.

Bakkt è una filiale di Intercontinental Exchange, che ha stabilito un deposito altamente sicuro per i Bitcoin a New York ed emette futures a 1 giorno, uno dei primi e più richiesti prodotti finanziari liberamente negoziabili basati su Bitcoin. Lo stoccaggio altamente sicuro qualifica Bakkt a detenere le monete per una società come Mastercard.

Il cambiamento di cuore di Mastercard è probabilmente dovuto al fatto che l’interesse per il bitcoin e le criptovalute è rimasto persistentemente alto durante l’anno. Questo interesse, dice Haymand, ha spinto molti clienti a chiedere aiuto per i servizi di crittografia. Le banche stanno cercando di offrire loro stesse questo, come passare in Bitcoin e tenerli per evitare che i loro dollari migrino verso gli scambi di criptovalute.

Il CEO di Bakkt, Gavin Michael, sottolinea in particolare il potenziale dei punti bonus. Non solo le banche possono offrire criptovalute e criptocarte di credito in futuro. I commercianti possono anche impostare premi in bitcoin al posto dei punti bonus convenzionali e convertire i punti esistenti in criptovalute. Impilare i Sats e lo Yield Farming sarà quindi convenientemente possibile in futuro pagando con Mastercard.

“Stiamo abbassando le barriere all’entrata”, dice Michael, “permettendo alle persone di prendere qualcosa come i loro punti bonus e scambiarli con cripto. È un modo facile per andare avanti perché non stai usando il contante, stai usando qualcosa che si trova come un asset inattivo sul tuo bilancio e lo stai trasformando in qualcosa che funziona”. Il CEO ovviamente non si rivolge tanto al “popolo” quanto alle aziende. Le aziende che accumulano in massa punti per compagnie aeree e hotel possono usarli per coltivare Bitcoin – e magari pagarli come bonus ai loro dipendenti.

Se Mastercard si attiene effettivamente a questo piano – questa volta – sarebbe una notizia estremamente grande e importante per Bitcoin. Sarebbe forse LA notizia dell’anno. Perché se puoi riempire la tua Mastercard di Bitcoin, non hai davvero più bisogno di euro.

Related Posts

Leave a Comment