Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Procedimento Tether: Stablecoin pienamente sostenuto solo il 26,7 per cento di tutti i giorni tra il 2016 e il 2019 - Today's Crypto News
Home » Procedimento Tether: Stablecoin pienamente sostenuto solo il 26,7 per cento di tutti i giorni tra il 2016 e il 2019

Procedimento Tether: Stablecoin pienamente sostenuto solo il 26,7 per cento di tutti i giorni tra il 2016 e il 2019

by Christian

C’è un accordo nel caso tra l’emittente di stablecoin Tether e la Commodity Futures Trading Commission (CFTC): Tether pagherà una multa di 41 milioni di dollari. La conclusione del caso porta anche alla luce alcuni risultati che sono tutt’altro che rassicuranti per Tether.

La Commodity Futures Trading Commission (CFTC) e Tether si accordano su una multa di 41 milioni di dollari. L’emittente dell’omonimo stablecon, annuncia la CFTC, ha falsamente affermato che i dollari Tether erano interamente sostenuti da dollari USA. Allo stesso tempo, lo scambio Bitfinex, che è società sorella di Tether, accetta una multa di 1,5 milioni di dollari per “transazioni illegali”.

Fondamentalmente, l’accordo riguarda due casi paralleli ma strettamente intrecciati: Indagini sullo scambio Bitfinex e sull’emittente di stablecoin Tether. La CFTC ha spinto queste indagini per diversi anni. Con l’accordo e la pena ora raggiunti, stanno arrivando a una conclusione (provvisoria).

Il caso contro Tether in particolare è di enorme importanza. La società emette il Tether Dollar (USDT), una stablecoin che è diventata un pilastro dell’intero ecosistema con un volume di 68 miliardi di dollari. È stato sospettato per anni di non essere pienamente sostenuto o sostenuto affatto, e di manipolare il prezzo del bitcoin verso l’alto attraverso “dollari pagliaccio”. Questa accusa è di così ampia portata che spacca la comunità in due. Alcuni, esagerati, non vogliono sentirne parlare perché Bitcoin è grande e il prezzo alto è divertente – e altri, altrettanto esagerati, stanno perdendo fiducia nelle cripto e Bitcoin nel suo complesso a causa del sospetto del tether.

“Affermazioni false o ingannevoli e appropriazioni indebite di fatti materiali… “

L’ordine finale della CFTC porta ora un po’ più di certezza su quello che sta succedendo dietro le quinte di Tether. E mentre la multa di 41 milioni di dollari dovrebbe essere un gioco da ragazzi per Tether – anche se è improbabile che la CFTC accetti USDT – quello che c’è nel documento potrebbe scuotere definitivamente la fiducia in Tether. E questo potrebbe avere gravi conseguenze non solo per l’azienda stessa, ma per l’intero ecosistema.

La Commissione censura Tether per “affermazioni false o fuorvianti e appropriazione indebita di fatti materiali in relazione al Tether Token Stablecoin (USDT) in dollari USA”. Tether aveva sostenuto fin dal lancio della stablecoin nel 2014 che i token erano sostenuti al 100% da valute fiat come dollari o euro. Ma ora emerge “che Tether ha fatto affermazioni false da non oltre il 1° giugno 2016 fino al 25 febbraio 2019”. Questo perché Tether non è stato per lo più coperto completamente durante questo periodo.

Più specificamente, nella finestra di 26 mesi esaminata, Tether ha coperto completamente gli stablecoin solo nel 27,6% di tutti i giorni. La copertura era quindi l’eccezione, non la norma. Inoltre, Tether non ha tenuto le riserve interamente in dollari, come sostenuto, ma “costruito su entità non regolamentate e varie terze parti che detenevano i saldi che costituivano le riserve; ha mescolato le riserve con i saldi operativi e dei clienti di Bitfinex; e ha tenuto riserve in altri prodotti finanziari”. Tra i numerosi terzi ingaggiati, almeno 29 non erano documentati da contratti ufficiali, ha detto.

Queste false dichiarazioni sulle riserve sono principalmente ciò di cui la CFTC ha accusato Tether. Con l’ordine, l’azienda accetta di smettere di ripetere queste e altre infrazioni e di pagare la sanzione di 41 milioni di dollari.

Bitfinex, d’altra parte, è principalmente preoccupato per il fatto che, nonostante un accordo del 2016 con la CFTC, lo scambio ha permesso ai residenti degli Stati Uniti di scambiare derivati sullo scambio e ha sostenuto il trading di derivati attraverso prestiti P2P.

“Anche peggio di quanto si temesse”.

Per i critici di Tether, naturalmente, l’ingiunzione è una festa. Uno di loro, Benett Tomlin, ha esaminato da vicino il documento e spiega sul suo sito web quali risultati conferma o ripete soltanto, e quali rivela di nuovo.

Nel caso di Bitfinex, secondo Tomlin, si tratta in gran parte delle stesse accuse dal 2016: l’offerta non autorizzata di derivati agli americani. Solo alcune intuizioni sono interessanti qui, che ancora una volta hanno dimostrato che Bitfinex era un “cattivo attore”: “In primo luogo, sembra che Bitfinex abbia istruito i suoi dipendenti per garantire che i cittadini statunitensi non fossero inseriti nei fogli di calcolo attraverso i quali hanno documentato le richieste di verifica. In secondo luogo, sembra che Bitfinex abbia attivamente incoraggiato i suoi clienti a utilizzare VPN, e anche far sapere loro che così facendo avrebbe permesso loro di eludere le procedure KYC”.

Entrambi, conclude Tomlin, mostrano che Bitfinex non aveva alcuna intenzione di rispettare l’ordine del 2016. Dubita che in futuro sarà diverso.

Ciò che trova più interessante, naturalmente, è quello che c’è nell’accordo Tether. Dopo tutto, Tether è il Moby Dick di tutti i critici di Bitcoin e dei cacciatori di truffe. La sentenza, dice Tomlin, dimostra che i dollari di Tether “sono stati non finanziati per molto più tempo di quanto già sapessimo”. Sembra essere stata l’eccezione piuttosto che la norma per Tether di detenere i beni che hanno dichiarato di possedere tra il 2016 e il 2018″. Lo stesso vale per le carte commerciali – Tether aveva investito in tali carte molto prima di quanto si sapesse, ha detto. Mentire e ingannare, ha detto, era l’habitus di Tether.

Inoltre, ci sono alcune ciliegine sulla torta: Per esempio, che Tether ha anche usato beni come riserve che l’azienda non possedeva, ma solo supposto che avrebbe ricevuto. O che terze parti detenevano fondi della riserva senza che esistesse un contratto formale. Questo dimostra che Tether è ancora peggio di quanto ipotizzato. Lo stesso vale per il modo poco professionale con cui Tether ha riconciliato le riserve con i token in circolazione: “Tether non ha calcolato accuratamente le riserve in ogni momento durante il periodo di tempo rilevante”, dice il documento. Prima del 2018, ha detto, la società non aveva un metodo automatizzato per abbinare le riserve con i token Tether emessi in tempo reale. Invece, Tether ha usato un semplice foglio di calcolo in cui i dipendenti hanno inserito manualmente le informazioni sul denaro fiat nei conti bancari e così via.

In altre parole, il creatore di una valuta virtuale multimiliardaria ha usato Excel per documentare il suo finanziamento.

Secondo i critici di Tether, il tutto va oltre tutto ciò che si temeva. Certo, questa è un’esagerazione, dato che i critici di Tether avevano effettivamente ipotizzato una copertura zero. È comunque drammatico, e non è affatto probabile che mantenga la fiducia nella stablecoin, e i critici hanno assolutamente ragione a notare che solo una frazione dei Tether esistenti oggi è stata acquisita all’inizio del 2019. Il diluvio di dollari Tether da allora ha esacerbato i problemi? Se è così difficile gestire 6-10 miliardi di dollari di riserve, quanto è difficile gestire quasi 70 miliardi di dollari?

“Nessun problema nell’operazione corrente “

Tether, per sua natura, vede tutto in modo molto diverso. In una breve nota, questa volta priva della tipica belligeranza di Tether, l’azienda dice che la CFTC non ha trovato “nessun problema nelle operazioni correnti di Tether” (presumibilmente perché non hanno guardato). “In effetti, l’ordine si riferisce a varie rivelazioni sulle riserve di più di 2,5 anni fa. Come spiega l’ingiunzione, questi problemi sono stati completamente risolti quando le condizioni di sfruttamento sono state aggiornate nel febbraio 2019”.

Contrariamente a ciò che è comunemente inteso, la CFTC non ha trovato che i token non erano completamente supportati, ha detto. “Ma semplicemente che le riserve non erano completamente e in ogni momento in contanti in un conto bancario a nome di Tether”. Tether ha tenuto “riserve adeguate” in ogni momento e “non ha mai mancato di onorare una richiesta di prelievo”. Tether aveva accettato di chiudere il procedimento per andare avanti.

Quindi tutto dipende da come lo formuli.

Related Posts

Leave a Comment