Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Approvato il primo ETF di bitcoin - il prezzo raggiunge una sorta di nuovo massimo storico - Today's Crypto News
Home » Approvato il primo ETF di bitcoin – il prezzo raggiunge una sorta di nuovo massimo storico

Approvato il primo ETF di bitcoin – il prezzo raggiunge una sorta di nuovo massimo storico

by v

La US Securities and Exchange Commission (SEC) approva il primo ETF di bitcoin. Non contiene alcun Bitcoin, ma un derivato basato su un altro derivato Bitcoin. Ma non importa: al regolatore piace e il mercato continua a spingere il prezzo verso l’alto.

Il Bitcoin ETF è stato quello che i Bitcoiners hanno sperato e bramato per circa due decenni: Un prodotto finanziario che porta Bitcoin nei portafogli dell’uomo medio e delle sue due nonne. Il prodotto che apre completamente le porte, che permette al mondo intero di partecipare alla riforma della moneta decentralizzata – e che rende i Bitcoiners ancora più ricchi en passant.

Dal 2013 o 2014 circa, i Bitcoiners e i fondi hanno cercato di far accettare un ETF di questo tipo dalla US Securities and Exchange Commission. Hanno fallito con essa, uno dopo l’altro, i gemelli Winklevoss, Van Eyck e molti, molti altri. Ma ora, finalmente, la SEC ha dato a un ETF la luce verde che desiderava da tempo.

Venerdì, i cinque commissari della SEC hanno approvato il “Bitcoin Strategy ETF” di ProShares, un affermato fornitore di ETF. Tuttavia, il Bitcoin Strategy ETF non sarà sostenuto fisicamente e non terrà bitcoin reali in veri portafogli, come i bitcoiners avevano voluto e sperato. “Il fondo non investirà direttamente in Bitcoin”, dice la domanda, in grassetto perché apparentemente è così importante.

Invece, l’ETF seguirà i futures di bitcoin sugli scambi Chigaco: attraverso il trading, ProShares assicurerà che l’ETF segua il prezzo dei futures. Il capo della SEC Gary Gensler ha detto di credere che tale ETF offra una migliore protezione degli investitori perché lo scambio di futures opera sotto leggi più severe. Per coprire il prezzo, il fondo investirà principalmente in futures, anche se investirà anche in strumenti del mercato monetario e titoli di stato.

Dai commenti della SEC e del suo capo Gensler, gli osservatori concludono che la SEC non sarà incline a permettere uno spot ETF nel prossimo futuro – cioè un EFT che segue il prezzo spot sulle borse ed è possibilmente sostenuto direttamente dai Bitcoin.

Il mercato è comunque contento della notizia. Il prezzo del bitcoin continua la sua tendenza al rialzo, passando negli ultimi 7 giorni da circa 48.000 a circa 53.000 euro, con un picco locale di quasi 54.000, non lontano dal massimo storico di 55.000 euro di aprile. Dopo tutto quello che sappiamo del passato, sarebbe molto strano se il prezzo si astenesse dal salire a un nuovo massimo dopo questo corso.

A seconda di come guardi i grafici, abbiamo già un nuovo massimo storico. Mai una colonna di 3 giorni sui grafici è stata così alta come negli ultimi tre giorni! La media dei massimi di tutti i tempi come questa di solito precede un nuovo massimo di tutti i tempi. Dimostrano che il mercato è diventato più forte e può sostenere un livello di prezzo più alto più a lungo.


Con tutto l’entusiasmo, l’ETF in realtà non è affatto una novità. Ci sono già diversi ETN di bitcoin in Europa, come l’XBT Tracker, che funziona su Tradegate e altre piattaforme dal 2015, o gli ETP di 21Shares, che puoi anche comprare dal tuo conto comdirect. Bakkt offre anche futures a 1 giorno negli Stati Uniti, che si comportano più o meno come un ETF, anche se si chiamano in un altro modo. A differenza dell’ETF di ProShares, questi titoli sono solitamente sostenuti “fisicamente”, il che significa che l’emittente stesso possiede la valuta virtuale Bitcoin. Si potrebbe pensare che detenere un bene sarebbe il modo più potente per avere i mezzi per riflettere il suo prezzo in un titolo, a condizione di mantenere pratiche di custodia sofisticate e sicure, come Bakkt a New York.

Ciò che fa il ProShares ETF, d’altra parte, ricorda più i sistemi a riserva frazionaria o la vendita allo scoperto: il fondo compra “contratti futures standardizzati regolati in contanti sulle borse merci registrate presso la Commodity Futures Trading Commission (CFTC)”. Solo i futures bitcoin del Chicago Mercantile Exchange (CME) soddisfano questi requisiti. Questi futures non sono direttamente sostenuti dai Bitcoin. Quando scadono, si pagano con i dollari. Da qualche parte i Bitcoin saranno quasi certamente coinvolti, ma in superficie troverete solo derivati su cui sono costruiti altri derivati.

I bitcoin in cui si investe con l’ETF di ProShares sono quindi molto più simili alla moneta fiat dei bitcoin stessi. Ma forse è proprio per questo che la SEC ha dato il via libera…

Related Posts

Leave a Comment