Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Il primo ETF di Bitcoin: Vincitori e Perdenti - Today's Crypto News
Home » Il primo ETF di Bitcoin: Vincitori e Perdenti

Il primo ETF di Bitcoin: Vincitori e Perdenti

by Thomas

L’approvazione da parte della SEC di un ETF sui futures di Bitcoin è una buona notizia per alcuni più che per altri.

Bene, finalmente è successo. Dopo più di otto anni (!) di suppliche da parte dell’industria delle criptovalute, la SEC ha dato il via libera a un ETF Bitcoin, una mossa che darà alla gente normale l’esposizione alla criptovaluta originale attraverso le principali borse, e ci si aspetta di innescare un momento di luna come nuovo denaro si precipita in Bitcoin.

Ma sarà così?

L’occasione ha già prodotto vincitori e perdenti, a cui arriveremo tra un momento. Per prima cosa, ricapitoliamo cosa è successo esattamente qui. La SEC ha permesso un ETF (exchange-traded fund), ma non uno legato al prezzo del Bitcoin, il tipo che la maggior parte delle persone voleva. Invece, l’agenzia ha permesso un ETF Bitcoin futures. Ciò significa che il nuovo fondo, che è confezionato da una società chiamata ProShares, non vi darà azioni sostenute da Bitcoin, ma azioni legate a un pacchetto di contratti per acquistare Bitcoin in futuro.

Sembra complicato? Lo è. Quando si acquista un ETF regolare, il valore delle azioni è basato interamente sul prezzo del bene sottostante, sia esso Bitcoin o oro o petrolio o un paniere di azioni S&P. Quando si acquista un ETF futures, ci sono altri fattori in gioco che portano il prezzo delle azioni a divergere dal bene. Come spiega Matthew Hougan, CIO della società di investimenti in criptovalute Bitwise, i trader di futures esperti anticipano le stranezze dei prezzi come “contango, backwardation e slippage” e fanno operazioni di compensazione per tenerne conto.

Si può vedere dove si va a parare. Gli ovvi vincitori del nuovo Bitcoin futures ETF saranno i trader professionisti e i loro ricchi clienti, che hanno familiarità con concetti come “contango” e sono bravi a fare soldi con esso. Infatti, le azioni del nuovo ProShares ETF dovrebbero inizialmente scambiare ad un premio rispetto al prezzo effettivo del Bitcoin come risultato di investitori sofisticati che hanno intenzione di arbitrare i futuri movimenti di prezzo.

Anche nella categoria del vincitore ovvio è ProShares, che sarà il primo a uscire dal cancello in questa nuova frontiera di crypto ETFs. Mentre i prodotti concorrenti dovrebbero ricevere la stessa luce verde dalla SEC non appena questa settimana, Hougan, che ha gestito una società di ETF, dice che essere in anticipo conta molto poiché la liquidità fluirà al primo arrivato. Quindi congratulazioni a ProShares per aver eseguito il guanto di sfida normativo meglio della sua concorrenza.

Per quanto riguarda i perdenti, si possono includere gli investitori al dettaglio che speravano di comprare un noioso ETF in stile Vanguard, uno che avrebbe permesso loro di comprare Bitcoin proprio come un’azione. Quello che hanno ottenuto invece è un’opzione di investimento esotica che potrebbero non capire, che costerà loro di più in commissioni. Ironicamente, la ragione di questo è che il presidente della SEC Gary Gensler crede che la regola che copre i futures (e i fondi comuni di investimento) protegga meglio la piccola gente. Va bene allora. Gli investitori al dettaglio che vogliono comprare Bitcoin possono ancora andare a comprarlo direttamente da Coinbase, Robinhood, Kraken, o qualsiasi numero di broker rispettabili, ma potrebbero tirarsi indietro di fronte a ciò che vedono come ostacoli tecnici.

Altri perdenti della decisione della SEC sono persone come Grayscale e Gemini. Queste aziende sono tra le più vecchie nel business del Bitcoin e hanno chiesto alla SEC di approvare le loro applicazioni ETF per anni e anni solo per vedere Gensler decidere questa estate che un ETF futures era la strada da percorrere. Questo arriva come un pungiglione speciale per Grayscale dal momento che le azioni del prodotto principale della società di un trust supportato da Bitcoin che scambiano sul mercato OTC è sempre più costoso e irrilevante. L’azienda è stata a lungo pronta a convertire il suo prodotto in un ETF standard, ma ora deve sbrigarsi e aspettare.

Tuttavia, nel quadro generale, si può dire che tutti i crittografi vincono dalla decisione della SEC. Il prezzo del Bitcoin è tornato vicino al suo massimo storico, e la SEC ha probabilmente confermato ciò che i fan della crittografia hanno sempre saputo: Bitcoin è reale. È un bene di serie A che merita di essere riconosciuto dall’establishment finanziario e dai regolatori. E la SEC sembra più probabile che approvi un ETF Bitcoin “puro” prima o poi. Allora è solo questione di tempo prima di vedere gli ETF per Ethereum, Solana, e altri asset criptovalutari.

Hougan di Bitwise dice che gli ETF di Bitcoin probabilmente seguiranno un percorso simile al primo ETF sull’oro. Quell’ETF ha avuto solo un effetto minore sul prezzo dell’oro quando è stato lanciato nel 2004, ma nel decennio successivo ha contribuito a guidare il metallo prezioso a livelli inimmaginabili. “Il mercato sopravvaluta l’impatto a breve termine degli ETF e sottovaluta quello a lungo termine”, dice.

Related Posts

Leave a Comment