Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Vitalik Buterin non si pente di aver iniziato Ethereum come consenso PoW - Today's Crypto News
Home » Vitalik Buterin non si pente di aver iniziato Ethereum come consenso PoW

Vitalik Buterin non si pente di aver iniziato Ethereum come consenso PoW

by Thomas

Il dibattito PoS vs. PoW rialza la testa ancora una volta come Buterin dice che PoW ha il suo posto.

Durante una recente intervista, il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin ha condiviso le sue opinioni su come avrebbe lanciato Bitcoin.

Sorprendentemente, Buterin ha detto che anche se Proof-of-Stake (PoS) ha i suoi vantaggi, soprattutto per quanto riguarda l’impatto ambientale, pensa che la decisione di Satoshi Nakamoto di andare con Proof-of-Work (PoW) era la cosa giusta da fare al momento.

Ma date le lotte di Ethereum per passare da una blockchain PoW ad una PoS, perché Buterin dice questo?

L’aggiornamento di Ethereum 2.0 presenta sfide tecniche difficili

Uno dei significativi sviluppi in corso nell’ecosistema delle criptovalute è il passaggio di Ethereum a una blockchain PoS. Insieme ad altri aggiornamenti, ETH 2.0 porterà più scalabilità, sostenibilità e migliore sicurezza.

Il percorso verso ETH 2.0 è suddiviso in tre fasi principali. La Beacon Chain, che porta la palificazione e pone le basi per il resto dello sviluppo. Questa è entrata in funzione circa un anno fa, nel dicembre 2020.

Poi c’è il Merge, che si riferisce alla fusione della Beacon Chain con la catena ETH 1.0 esistente. Il rollout stimato per questo è Q1/Q2 2022. Ma parlare di ritardare la bomba a tempo di difficoltà fino a maggio 2022 suggerisce che questa fase potrebbe essere fuori programma.

La bomba a tempo è un processo che rende il mining PoW gradualmente più difficile fino a quando Ethereum non sarà più redditizio da estrarre. In effetti, eliminando gradualmente i minatori.

Infine c’è Shard Chains, che distribuisce il carico di rete su 64 nuove catene per una migliore scalabilità e capacità. Le stime dicono che questo è pronto “in qualche momento nel 2022”.

Farlo in questo modo è molto più complicato che costruire una nuova blockchain da zero. Eseguire due catene parallele e poi fonderle presenta sfide tecniche che non esisterebbero se si iniziasse con PoS in primo luogo.

Perché Proof-of-Work

Piuttosto che lamentarsi di PoW come concetto, Buterin ha detto che ha il suo posto, soprattutto nei primi giorni quando la criptovaluta stava iniziando a trovare i suoi piedi.

Riguardo a ciò che Buterin avrebbe fatto se avesse creato Bitcoin, descrive una linea temporale molto simile a quella che Ethereum sta facendo ora.

“Penso che probabilmente avrebbe usato il proof-of-work per i primi cinque anni, e il proof-of-stake dopo. “

Ha aggiunto che PoW è un modo democratico di distribuzione dei token. Mentre il mining ASIC può aver distrutto questo, rendendo il mining di Bitcoin appannaggio di aziende ben finanziate, Buterin sottolinea che all’inizio, chiunque poteva minare Bitcoin con una CPU. E più tardi con una GPU.

“Il fatto che Bitcoin fosse proof-of-work all’inizio era molto importante e buono. “

Tuttavia, man mano che le criptovalute vengono sempre più adottate, a lungo termine, il PoS ha più senso.

Related Posts

Leave a Comment