Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
DeFi spinge il Nord America a diventare il secondo più grande mercato di criptovalute del mondo - Today's Crypto News
Home » DeFi spinge il Nord America a diventare il secondo più grande mercato di criptovalute del mondo

DeFi spinge il Nord America a diventare il secondo più grande mercato di criptovalute del mondo

by Patricia

La Cina ha iniziato a perdere la sua posizione nei mercati globali di criptovalute prima del giro di vite di quest’anno.

La crescita della finanza decentralizzata (DeFi) ha spinto il Nord America a diventare il secondo mercato crittografico più grande del mondo, secondo una nuova ricerca della società di cripto intelligence Chainalysis.

  • Gli indirizzi nordamericani hanno ricevuto 750 miliardi di dollari in cripto tra luglio 2020 e giugno 2021, ovvero il 18,4% delle transazioni globali. L’Europa centrale, settentrionale e occidentale ha ricevuto 1 trilione di dollari durante quel periodo, rappresentando il 25% del volume globale, il “2021 Geography of Cryptocurrency Report” di Chainalysis ha trovato.
  • “” src=”https://cdn.todayscrypto.news/wp-content/uploads/2021/10/6SV6YXMHMRHCZFYAUDX24PNT5A.webp” /☻

    • Il volume delle transazioni mensili in Nord America è cresciuto di oltre il 1.000% tra luglio 2020 e lo scorso maggio, da 14,4 miliardi di dollari a 164 miliardi di dollari.
    • Chainalysis ha attribuito la crescita a DeFi, che ha rappresentato il 37% delle transazioni totali in Nord America tra luglio 2020 e lo scorso giugno. Il top exchange della regione durante quel periodo di tempo è stata la piattaforma di trading decentralizzata Uniswap, seguita dallo scambio centralizzato Coinbase e dal decentralizzato dYdX.
    • Gli Stati Uniti, il più grande mercato della regione, ha superato il DeFi Adoption Index di Chainalysis, che misura “l’adozione popolare” di DeFi.
    • Sia il Nord America che l’Asia orientale hanno visto un leggero calo nel volume totale delle transazioni a maggio. Il calo di attività in Asia orientale è probabilmente spiegato dal giro di vite di Pechino sulle criptovalute, che è iniziato con un proclama del Consiglio di Stato a maggio. La Cina è stata storicamente il più grande paese di estrazione di bitcoin al mondo e un importante hub per il commercio di criptovalute.
    • East Asia has long lost its edge
      • La quota dell’Asia orientale del volume globale delle transazioni di criptovalute ha iniziato a diminuire nell’aprile 2020, molto prima del giro di vite di quest’anno sull’industria da parte delle autorità cinesi, come mostra una ricerca di Chainalysis.
      • A partire da aprile 2019, l’Asia orientale ha fatto la parte del leone nelle transazioni di criptovalute a livello globale, fino a giugno 2020, quando è stata superata dall’Europa centrale, settentrionale e occidentale, così come dal Nord America, dice il rapporto.
      • La Cina ha rappresentato il 47% di queste transazioni tra luglio 2020 e giugno di quest’anno, ha detto l’economista di Chainalysis Ethan McMahon a CoinDesk in un’intervista via email.
      • Quando gli è stato chiesto del calo della quota dell’Asia orientale nelle transazioni globali di cripto nell’aprile 2020, McMahon ha detto che “la Cina si sta muovendo verso un vero e proprio divieto di cripto in favore delle proprie soluzioni” per un po’, aggiungendo che la Cina ha iniziato a testare la propria valuta digitale della banca centrale quel mese.
      • Dal luglio 2020 al giugno 2021, i paesi dell’Asia orientale sono anche scesi di diversi posti nel Chainalysis Global Crypto Adoption Index; la Cina è scesa dal quarto posto al 13esimo, la Corea del Sud dal 17esimo al 40esimo, Hong Kong dal 23esimo al 39esimo e il Giappone dal 71esimo all’80esimo.
      • DeFi sta anche guadagnando terreno in Asia orientale. Huobi è lo scambio più popolare della regione, secondo la ricerca, seguito dagli scambi decentralizzati dYdX e Uniswap.
      • Hong Kong è il primo adottatore di DeFi della regione, dove rappresenta il 55% delle transazioni, seguito dalla Cina al 49%, dal Giappone al 32% e dalla Corea del Sud al 15%.
      • Mining
        • Da quando il Consiglio di Stato cinese ha chiesto un giro di vite sul crypto mining a maggio, i minatori cinesi hanno spostato le loro strutture all’estero, soprattutto in Nord America, Asia centrale e Sud America.
        • Tra maggio e giugno, Binance ha visto il più grande calo di bitcoin ricevuto dai pool di minatori, oltre 200 milioni di dollari, ha detto Chainalysis. Huobi ha visto il secondo più grande calo netto, a poco più di 150 milioni di dollari, seguito da FTX a circa 100 milioni di dollari.
        • Questa liquidità persa potrebbe anche spiegare il calo generale dell’attività nella regione dopo maggio, ha detto la società di intelligence.
        • La quota nordamericana dell’hashrate minerario globale è più che raddoppiata tra la fine di aprile e agosto, come mostra una ricerca del Cambridge Center for Alternative Finance. Ad agosto, l’hashrate della Cina era praticamente sceso a zero, secondo il centro.
        • Per i pool di mining non basati in Cina, i proventi sono più che raddoppiati tra gennaio e luglio 2021, ha detto Chainalysis. Quelli con sede in Cina hanno visto i loro guadagni diminuire del 50%, secondo il rapporto.

Related Posts

Leave a Comment