Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Queste sono le applicazioni ad alto profilo di Bitcoin Spot ETF attualmente in gioco - Today's Crypto News
Home » Queste sono le applicazioni ad alto profilo di Bitcoin Spot ETF attualmente in gioco

Queste sono le applicazioni ad alto profilo di Bitcoin Spot ETF attualmente in gioco

by Patricia

Bitcoin exchange-traded funds sono spuntati in tutto il mondo, ma la SEC statunitense continua a bloccare le proposte per un Bitcoin spot ETF.

In breve

  • Un certo numero di speranze hanno presentato proposte negli Stati Uniti per un fondo scambiato in borsa che offrirebbe esposizione al Bitcoin.
  • Fino ad oggi, la U.S. Securities and Exchange Commission ha respinto ogni domanda per un ETF Bitcoin spot.

Da quando la prima domanda per un fondo americano Bitcoin exchange-traded è stata presentata nel 2013, un ETF Bitcoin è diventato una specie di Santo Graal per la comunità crypto.

Un ETF è un veicolo di investimento quotato in borsa che segue il valore di un’attività sottostante; nel caso di un Bitcoin ETF, tale attività è Bitcoin. I sostenitori di un ETF Bitcoin sostengono che le complessità degli scambi, dei portafogli di criptovalute e delle chiavi private presentano ancora una barriera scoraggiante all’ingresso nello spazio crypto per i nuovi arrivati. Un Bitcoin ETF permetterebbe a questi investitori di ottenere un’esposizione al Bitcoin senza dover effettivamente detenere la propria criptovaluta.

Gli ETF Bitcoin sono spuntati in tutto il mondo, in Canada, Brasile e Dubai e nell’ottobre 2021, il Bitcoin futures ETF di ProShares è stato lanciato alla Borsa di New York.

Tuttavia, fino ad oggi, la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) ha respinto ogni domanda per un Bitcoin spot ETF che offre un’esposizione diretta al Bitcoin, piuttosto che contratti futures. La SEC ha ripetutamente citato il potenziale di manipolazione del mercato tra i commercianti di criptovalute tra le sue preoccupazioni.

Ecco tutte le applicazioni attualmente in gioco:

1.VanEck

VanEck è uno dei primi richiedenti di Bitcoin ETF ancora in gioco. Il suo primo tentativo di un ETF Bitcoin, il VanEck SolidX Bitcoin Trust, in collaborazione con SolidX, risale al 2018.

Mentre quell’applicazione era withdrawn nel settembre 2019, VanEck ha fatto un secondo tentativo di far decollare un Bitcoin ETF, depositando la sua domanda per il VanEck Bitcoin Trust con la SEC nel dicembre 2020, con azioni del trust impostate per scambiare sul Cboe BZX Exchange.

In particolare, VanEck ha presentato la sua seconda domanda pochi giorni dopo che l’ex presidente della SEC Jay Clayton ha lasciato la sua posizione. In un’intervista del 2019 con CNBC, Clayton aveva respinto le prospettive di un ETF Bitcoin, notando che mentre c’erano stati “progressi” sulle preoccupazioni relative alla custodia, la criptovaluta è ancora vulnerabile alla manipolazione dei prezzi e che gli scambi oltreoceano “non forniscono lo stesso livello di protezione del nostro mercato azionario statunitense”.

Tuttavia, se VanEck pensava che il nuovo sangue alla SEC avrebbe significato un cambiamento nella sua posizione, si è trovato di fronte ad una delusione. La SEC ha ripetutamente rimandato la sua decisione sul secondo deposito del Bitcoin ETF di VanEck, con il più recente ritardo che ha rimandato la scadenza fino ad agosto. In questa occasione, la SEC ha invitato il pubblico a commentare se il deposito sarebbe vulnerabile alla manipolazione, se l’industria delle criptovalute è cambiata dal 2016, e se Bitcoin è trasparente.

2.Valkyrie Investments

Un partecipante relativamente recente alla corsa, l’asset manager Valkyrie ha presentato la sua domanda per un ETF Bitcoin nel gennaio 2021. L’ETF farebbe riferimento al prezzo di riferimento del Chicago Mercantile Exchange per il Bitcoin e scambierebbe sul NYSE Arca, “fornendo agli investitori un mezzo efficiente per implementare varie strategie di investimento”, ha scritto l’azienda nella sua proposta. Il depositario di criptovalute Xapo assicurerebbe il Bitcoin del fondo, tenendolo in un deposito freddo.

Nel suo deposito, Valkyrie ha tacitamente riconosciuto la volatilità della criptovaluta come una delle preoccupazioni chiave della SEC per quanto riguarda un ETF Bitcoin. “Queste potenziali conseguenze del fallimento di un Bitcoin Exchange potrebbero influenzare negativamente il valore delle azioni”, ha detto in una valutazione dei rischi.

3.NYDIG/Stone Ridge

Il New York Digital Investment Group e la società di consulenza Stone Ridge sono stati veloci a cogliere l’opportunità presentata dal cambio di leadership alla SEC, diventando il secondo potenziale ETF a file una domanda con il regolatore nel 2021. Il deposito, il 16 febbraio, è arrivato in un giorno di buon auspicio per il Bitcoin, con la criptovaluta che ha colpito 50.000 dollari per la prima volta in assoluto. Da allora, è stato silenzio radio da parte della SEC; mentre ha annunciato ritardi per altre applicazioni, deve ancora annunciare la sua revisione della domanda di NYDIG.

4.WisdomTree

WisdomTree, gestore patrimoniale con sede a New York, ha già esperienza nella gestione di un ETF Bitcoin; ne ha lanciato uno sulla borsa svizzera SIX nel 2019. Si è unito alla schiera di speranze di ETF di Bitcoin negli Stati Uniti nel marzo 2021, depositando un S-1 con la SEC che ha proposto la quotazione di azioni del WisdomTree Bitcoin Trust sul Cboe bZx Exchange sotto il ticker BTCW.

Da allora, la SEC ha ritardato e ritardato e ritardato ancora, con il regolatore che prima invitava feedback dai membri del pubblico sulla proposta e poi annunciando che aveva bisogno di ulteriore tempo per considerare le “questioni sollevate” nelle lettere di commento. Secondo il più recente annuncio della SEC nel settembre 2021, il regolatore prenderà una decisione per approvare o disapprovare il WisdomTree Bitcoin Trust l’11 dicembre 2021.

5.First Trust/SkyBridge

Nel marzo 2021, l’hedge fund SkyBridge Capital ha presentato il suo filing per un ETF Bitcoin alla SEC. L’azienda, gestita dall’ex direttore delle comunicazioni della Casa Bianca Anthony Scaramucci, gestisce già un fondo Bitcoin aperto agli investitori accreditati con un investimento minimo di 50.000 dollari; in poche settimane dalla sua apertura nel gennaio 2021 è cresciuto fino a oltre 370 milioni di dollari.

Lo stesso mese, Scaramucci era ottimista sul fatto che un ETF Bitcoin potrebbe essere approvato entro la fine del 2021, dicendo a Decrypt che, “spero che con l’introduzione di Gary Gensler ora nella rubrica di regolamentazione, e la mia comprensione di dove sta arrivando, anche se non lo so personalmente, è che forse possiamo ottenere un ETF in atto entro la fine dell’anno. “

A maggio, NYSE Arca ha presentato una domanda per una proposta di cambiamento delle regole che vedrebbe il Bitcoin ETF di SkyBridge Capital quotato in borsa. All’inizio di luglio, la SEC ha spostato il periodo di revisione per lo Skybridge Bitcoin ETF fino al 25 agosto.

6.Fidelity/Wise Origin

Marzo 2021 ha visto un’ondata di richieste di ETF Bitcoin, tra cui il Wise Origin Bitcoin Trust di Fidelity, forse senza sorpresa, dato che poche settimane prima il suo direttore di Global Macro, Jurrien Timmer, ha detto che Bitcoin ha un “vantaggio unico” rispetto all’oro. La domanda di applicazione del Wise Origin Bitcoin Trust vedrebbe Fidelity Service Company Inc come amministratore e Fidelity Digital Assets come custode del Bitcoin sottostante l’ETF.

Nel maggio 2021, Cboe Global Markets ha presentato una proposta per elencare il Bitcoin ETF di Fidelity, sostenendo che le preoccupazioni della SEC sulla manipolazione del mercato sono state “sufficientemente mitigate” grazie alla crescente partecipazione degli investitori e l’adozione istituzionale della criptovaluta, che hanno “facilitato la maturazione dell’ecosistema di trading Bitcoin”. Nello stesso mese, la SEC ha iniziato la sua revisione della domanda di Fidelity.

7.Kryptoin

Delaware-based Kryptoin ha fatto il suo primo tentativo di deposito per un ETF Bitcoin nell’ottobre 2019, con la proposta Kryptoin Bitcoin ETF Trust da quotare su NYSE Arca. La società di servizi finanziari ha fatto un secondo tentativo per un ETF Bitcoin nell’aprile 2021, con la proposta rivista per il Trust da quotare sul BZX Exchange di Cboe. Il suo deposito modificato ha elencato i fornitori di servizi che avrebbero assistito nel lancio del suo ETF, tra cui la criptovaluta Gemini, che avrebbe fornito la custodia delle partecipazioni in Bitcoin del Trust.

Entro la fine di quel mese, l’applicazione era ufficialmente sotto esame da parte della SEC, che successivamente ha ritardato la sua decisione sul deposito al 27 luglio 2021. “La Commissione ritiene che sia appropriato designare un periodo più lungo entro il quale agire sul cambiamento di regole proposto in modo che abbia tempo sufficiente per considerare il cambiamento di regole proposto e i commenti ricevuti”, si legge nel 9 giugno annuncio della Securities and Exchange Commission (SEC).

Nel settembre 2021, la SEC ha nuovamente spostato la scadenza per la sua decisione sul Kryptoin Bitcoin ETF Trust, con una data rivista al 24 dicembre 2021. In questa occasione, l’annuncio della SEC ha evidenziato la necessità di più tempo “per considerare il cambiamento di regole proposto e le questioni sollevate nelle lettere di commento che sono state presentate in relazione ad esso”.

8.Galaxy Digital

Nell’aprile 2021, la società di investimenti cripto Galaxy Digital ha presentato una domanda per un ETF Bitcoin; all’epoca, l’ottava domanda di questo tipo a finire sulla scrivania della SEC. Il proposto Galaxy Bitcoin ETF sarebbe quotato sul NYSE Arca. Galaxy Digital, che gestisce oltre 400 milioni di dollari in attività, è anche uno dei più grandi possessori istituzionali di Bitcoin, con 16.400 BTC nel suo tesoro (valore di oltre 680 milioni di dollari ai prezzi attuali).
Il miliardario fondatore di Galaxy Digital Mike Novogratz si è espresso sulla riluttanza della SEC ad approvare un ETF Bitcoin al 2021 Ethereal Summit, sostenendo che sotto l’amministrazione Trump la SEC aveva invece permesso al Grayscale Bitcoin Trust (GBTC) di prosperare, che non era “altrettanto buono per il consumatore”. Il GBTC, ha sostenuto Novogratz, ha visto il consumatore “comprare Bitcoin ad un premio del 20-30% che è stato arbitrariato dagli hedge fund in un fondo chiuso dove un ETF sarebbe stata una soluzione molto più elegante. “

9.Ark Invest

Ark Invest, la società di investimento guidata da Cathie Wood, ha presentato la sua application per l’ETF Ark21Shares nel giugno 2021. ARK Invest ha collaborato con il fornitore di ETF 21Shares AG con sede in Svizzera per offrire l’ARK 21Shares Bitcoin ETF; se approvato, sarà scambiato sul BZX Exchange di Cboe con il simbolo ARKB.

L’azienda è anche la prima a rivelare le commissioni per il suo Bitcoin ETF, con l’archiviazione che indica una commissione prevista dello 0,95% pagabile a 21Shares, che userebbe il denaro per coprire le spese di gestione.

Ark Invest ha già un’esposizione al Bitcoin, avendo investito nello scambio di cripto Coinbase, nel Grayscale Bitcoin Trust e nel processore di pagamenti Square, che detiene oltre 8.000 BTC nel suo bilancio. L’amministratore delegato Cathie Wood è, senza sorpresa, un sostenitore entusiasta di Bitcoin, sostenendo che la criptovaluta rappresenta “una nuova classe di attività” e che potrebbe diventare una valuta di riserva.

10.Global X

Il più recente concorrente nella corsa al Bitcoin ETF è Global X Digital Assets, un gestore di fondi con 31 miliardi di dollari di attività in gestione, che ha presentato la sua application alla SEC nel luglio 2021. Se approvato, il proposto Global X Bitcoin Trust verrebbe scambiato sulla borsa Cboe BZX, con la Bank of New York Mellon nominata amministratore del fondo.

Il portafoglio di GlobalX si estende su 84 ETFs che coprono la tecnologia dirompente, il reddito azionario, le materie prime e i mercati emergenti. Il suo trust proposto deve ancora rivelare il suo ticker symbol o l’identità del custode responsabile della custodia del suo Bitcoin, anche se ha rivelato che il custode è una società fiduciaria a scopo limitato autorizzata a fornire servizi di custodia di beni digitali nello Stato di New York.

Nel settembre 2021, il GlobalX Bitcoin Trust è stata una delle quattro domande di ETF Bitcoin (tra cui una domanda di ETF Bitcoin futures) la cui scadenza è stata spostata dalla SEC. Il regolatore ha annunciato una data rivista del 21 novembre 2021, in cui avrebbe approvato o disapprovato la domanda.

11.One River

One River Asset Management ha lanciato la sua offerta per un ETF Bitcoin nel maggio 2021, con la sua application per un fondo scambiato Bitcoin carbon-neutral. Con il consumo di energia e l’impronta di carbonio del Bitcoin sempre più sotto esame, One River si è impegnata a compensare la sua impronta di carbonio “acquistando e ritirando i crediti di carbonio necessari a contabilizzare le emissioni di carbonio stimate associate ai bitcoin detenuti dal Trust” attraverso la piattaforma ambientale Moss Earth

One River ha anche tirato fuori le grandi armi nel suo tentativo di conquistare la SEC, portando l’ex presidente della SEC Jay Clayton come consigliere. Clayton, che si è unito all’azienda prima della sua domanda di Bitcoin ETF, ha guidato la SEC durante un periodo in cui ha respinto ogni domanda per un Bitcoin ETF.

12.Invesco Galaxy Bitcoin ETF

Galaxy Digital e Invesco hanno presentato un ETF Bitcoin congiunto il 22 settembre 2021, chiamato Invesco Galaxy Bitcoin ETF. Secondo il filing, l’ETF sarà anche “sostenuto fisicamente” da Bitcoin piuttosto che tramite derivati come i futures. Invesco Capital Management LLC è lo sponsor del deposito, ma al momento, non è noto quale azienda custodirà il Bitcoin per il deposito.

Lo sponsor è una filiale interamente controllata da Invesco Ltd. L’azienda è anche il quarto più grande fornitore di ETF negli Stati Uniti, una credenziale che può essere utile per ottenere il deposito attraverso la linea. “Per qualcuno che è stato nel business degli ETF per molto tempo,” said John Hoffman, capo delle strategie ETF di Invesco negli Stati Uniti, “è incredibilmente simile ai primi giorni degli ETF alla fine degli anni ’90, primi anni 2000.

Il Bitcoin ETF sarebbe il primo di una flotta di ETF specifici per le criptovalute che il duo spera di elencare sui mercati americani.

13.Grayscale

Il fondo di investimento in criptovalute GBTC Bitcoin trust di Grayscale gestisce oltre 650.000 BTC (per un valore di oltre 40 miliardi di dollari ai prezzi odierni), e non ha fatto mistero del suo desiderio di convertire il trust in un vero e proprio Bitcoin spot ETF. Nel mese di ottobre 2021, ha iniziato il processo di farlo, formalmente filing una domanda di conversione.

Se la sua domanda avesse successo, Grayscale sarebbe in grado di addebitare commissioni di gestione più basse, e sarebbe più facile spostare il denaro dentro e fuori. Grayscale ha inizialmente presentato una domanda per lanciare un ETF Bitcoin nel 2016, ma l’ha ritirata un anno dopo, affermando che “credevamo che l’ambiente normativo per le attività digitali non fosse avanzato al punto in cui un tale prodotto potesse essere portato con successo sul mercato”.

La mancanza di un ETF Bitcoin a tutti gli effetti ha causato problemi per Grayscale e per il più ampio mercato Bitcoin. Al posto di un tale prodotto, GBTC ha raccolto la maggior parte della domanda istituzionale statunitense di Bitcoin. Tuttavia, le sue azioni a volte scambiano con un premio negativo, inferiore al valore del Bitcoin sottostante per azione, ma il fondo non è autorizzato a riscattare le azioni per il Bitcoin stesso, quindi il mercato non può sistemare organicamente.

Se un ETF Bitcoin fosse approvato, permetterebbe agli investitori di riscattare le azioni in qualsiasi momento. Questo probabilmente impedirebbe l’apparizione di un premio negativo e aiuterebbe a mantenere le azioni corrispondenti al valore delle monete sottostanti.

Non è una sorpresa, quindi, che Grayscale stia gettando le basi per un ETF Bitcoin da qualche tempo, assumendo esperti di ETF e stringendo un accordo con BNY Mellon che vedrebbe la società di investimenti globali agire come fornitore di servizi per GBTC. Se dovesse essere convertito in un ETF, BNY Mellon fornirebbe servizi di agenzia di trasferimento e ETF.

Una strada lunga e tortuosa

La strada verso un ETF Bitcoin è stata lunga. Da quando i gemelli Winklevoss hanno presentato per la prima volta un trust simile al Bitcoin ETF nel 2013, la SEC ha ripetutamente trascinato i piedi sull’idea. Ha ripetutamente ritardato le decisioni su più Bitcoin ETF negli ultimi anni, inducendo le aziende come VanEck a ritirare le loro applicazioni per paura che la SEC le rifiutasse.

Le principali preoccupazioni della SEC sull’approvazione di un ETF Bitcoin riguardano la mancanza di trasparenza delle informazioni di trading, la manipolazione del mercato e l’idea che Bitcoin sia fondamentalmente diverso dagli altri asset che tratta regolarmente (per esempio, cosa succede nel caso di un hard fork?) È anche preoccupato per la mancanza di liquidità nei mercati.

In una conversazione con Decrypt, Sui Chung, CEO del fornitore di indici cripto CF Benchmarks, ha sottolineato che nei primi giorni, coloro che presentavano ETF Bitcoin come i gemelli Winklevoss lo facevano da startup, anche se ben finanziate. Ma ora i depositi stanno arrivando da una nuova razza di richiedenti che sono pronti ad affrontare queste sfide.

“Penso che molte delle aree che la SEC ha precedentemente espresso preoccupazioni, i depositanti [non hanno] molta esperienza nel mercato degli ETF, in particolare con i capricci dei mercati delle criptovalute e come si sincronizzerebbero con i mercati azionari attraverso la struttura dell’ETF”, ha detto. Ha aggiunto che se costruito nel modo giusto, un ETF Bitcoin non deve essere diverso da qualsiasi altro ETF quotato in borsa.

Nell’agosto del 2021, il presidente della SEC Gary Gensler ha pesato, notando che “in particolare non vedeva l’ora” di rivedere la SEC di “ETF limitati a questi futures Bitcoin negoziati dal CME”. Il suo accenno al fatto che la SEC è più favorevole agli ETF futures sul Bitcoin rispetto agli ETF con esposizione fisica al Bitcoin ha scatenato un’ondata di domande per gli ETF futures sul Bitcoin, con proposte del calibro di Galaxy Digital e VanEck.

Gensler ha nuovamente indicato il suo interesse per gli ETF futures sul Bitcoin nelle osservazioni preparate per la conferenza del Financial Times “Future of Asset Management North America”, nel settembre 2021. Gensler ha dichiarato che all’inizio dell’anno, “un certo numero di fondi comuni aperti lanciati che hanno investito in Chicago Mercantile Exchange (CME)-traded bitcoin futures. “

Il presidente della SEC ha osservato che il regolatore ha visto una serie di depositi per ETF futures Bitcoin sotto l’Investments Company Act del 1940, il cosiddetto “’40 Act”. “Quando combinato con le altre leggi federali sui titoli, il ’40 Act fornisce significative protezioni per gli investitori per i fondi comuni e gli ETF”, ha detto Gensler, aggiungendo che “non vedo l’ora che lo staff esamini tali depositi”.

Nell’ottobre 2021, il lungo processo ha finalmente raggiunto la sua conclusione, con il debutto del primo Bitcoin futures ETF alla Borsa di New York. Il ProShares BTC futures ETF ha quasi battuto il record di trading per qualsiasi ETF debuttante, scambiando quasi 1 miliardo di dollari nel suo primo giorno. Il lancio dell’ETF di ProShares potrebbe aprire le porte per ulteriori applicazioni di ETF futures sul Bitcoin, anche se almeno un concorrente ha abbandonato i suoi piani; Invesco ha staccato la spina sulla sua applicazione ETF poche ore prima del lancio dell’ETF futures sul Bitcoin di ProShares.

Bitcoin ETFs around the world

Mentre gli Stati Uniti hanno trascinato i talloni, altri paesi hanno spinto in avanti. Ci sono ora più ETF Bitcoin che operano in paesi come il Canada e il Brasile. E ci sono un certo numero di exchange-traded notes (ETN) in Europa, che sono strumenti finanziari molto simili.

Eppure, nonostante i numerosi rifiuti e ritardi, l’industria delle criptovalute rimane ottimista. Nel luglio 2021, il crypto exchange Coinbase ha ribadito che un ETF Bitcoin è “solo una questione di tempo”.

Nota del redattore: Questo articolo è stato rivisto e aggiornato nell’ottobre 2021 per espandere lista dei candidati ETF.

Related Posts

Leave a Comment