Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
La capitalizzazione di mercato di Bitcoin supera di nuovo i mille miliardi di dollari: Un nuovo massimo storico è inevitabile? - Today's Crypto News
Home » La capitalizzazione di mercato di Bitcoin supera di nuovo i mille miliardi di dollari: Un nuovo massimo storico è inevitabile?

La capitalizzazione di mercato di Bitcoin supera di nuovo i mille miliardi di dollari: Un nuovo massimo storico è inevitabile?

by Christian

Bitcoin, Ethereum e altre criptovalute sono in aumento e si avvicinano ai massimi storici di luglio. Il mercato delle criptovalute non è chiaramente ancora stufo e vuole testare nuovi picchi. I segni di una bolla rimangono difficili da perdere – ma questa volta la forza delle criptovalute è apparentemente anche la debolezza delle valute fiat.

Non appena furono lì, si rannicchiarono di nuovo nella loro tana, solo per andare in ibernazione per un altro anno dopo tutto: Gli orsi non hanno una presa sul mercato dei bitcoin dopo tutto. Invece, i tori ottimisti dominano di nuovo.

Dopo aver raggiunto un massimo storico di quasi 65.000 dollari in aprile, il prezzo del bitcoin è sceso costantemente fino a trovare un minimo di meno di 30.000 dollari a luglio. Il prezzo era sceso di più del 50 per cento in un periodo di più di tre mesi. La maggior parte delle altre criptovalute sono andate peggio, non meglio. Ethereum è sceso da quasi 4.400 dollari a meno di 2.000 dollari, e la capitalizzazione totale del mercato, il valore di tutte le criptovalute e token, si è più che dimezzata da più di 2,5 trilioni di dollari.

In realtà, c’erano tutti i segni per un mercato orso. Se tutto procedesse normalmente, come previsto, il mercato avrebbe dovuto trovare un fondo e mantenersi stabile prima di pensare a un nuovo rialzo. Ma le cose non sono normali nei mercati delle criptovalute.

Dal punto più basso alla fine di luglio, il prezzo del bitcoin è salito abbastanza aggressivamente. All’inizio di settembre, era tornato sopra i 50.000 dollari. Da lì è sceso leggermente a poco più di 40.000, ma poi è risalito non meno aggressivamente. Oggi è a ben 57.000 dollari e quindi non lontano da un nuovo massimo storico. Il mercato è ovviamente ancora affamato, e i segni indicano che i tori non allenteranno la loro presa finché non avranno spinto il prezzo a nuove altezze. Ma questo è, come ho detto, il mercato delle criptovalute, ed è per questo che le cose possono sempre andare diversamente.

In ogni caso, la situazione oggi è che Bitcoin ha di nuovo raggiunto una capitalizzazione di mercato di più di mille miliardi di dollari, circa 931 miliardi di euro. Il paragone è un po’ zoppo, ma ci sono solo nove economie in questo mondo, con un prodotto nazionale lordo, e solo cinque aziende con una capitalizzazione di mercato di più di mille miliardi di dollari. In questo calcolo, Bitcoin sarebbe uno dei paesi economicamente più potenti del pianeta, e una delle più grandi aziende.

Anche Ethereum è vicino al massimo storico di ben 4.300 dollari a poco meno di 3.600 dollari; monete come Cardano o Solana l’hanno spaccato da tempo, mentre Dogecoin e Bitcoin Cash sono ancora lontani, ma Shiba Inu, tra tutte le cose, una copia della moneta scherzo Dogecoins, sta già graffiando di nuovo la cima. Mentre c’è qualcosa come la stabilità da trovare in Bitcoin ed Ethereum, le monete qui sotto sono in eccitazione selvaggia come sempre, che è forse anche un segno che i mercati delle criptovalute sono ancora affamati.

Uno degli indicatori più eloquenti, ma inquietanti, è l’Unicorn Index: il numero di criptovalute e token che hanno raccolto un market cap di più di un miliardo di dollari. Questo è attualmente al massimo storico di 108, a mio parere. Tra questi unicorni, oltre a molti progetti eccitanti e legittimi, ci sono numerosi shitcoins, scamtokens e ogni sorta di altre sciocchezze che solo un mercato selvaggio e ossessivo eccitato fino all’isteria può elevare a una tale posizione.

La capitalizzazione totale del mercato – il valore sommato di tutte le criptovalute e i token – è attualmente poco più di 2,35 trilioni di dollari. Questo è “solo” 160 miliardi di dollari di distanza dal massimo storico di 2,51 trilioni. Naturalmente, una capitalizzazione di mercato non può mai essere liquidata ed è quindi un valore che esiste solo sulla carta o sullo schermo, ma non può essere riscattato nella realtà. Ma se uno lo prendesse sul serio, saremmo alla pari con il prodotto nazionale lordo della Cina e più o meno alla pari con la capitalizzazione di mercato di Apple, la più grande azienda del mondo secondo questo indicatore. Dopo tutto, tutto l’oro del mondo ha un buon valore, con una capitalizzazione di mercato di 10 trilioni di dollari.

Non si possono trovare ragioni veramente solide per questo aumento. El Salvador sta rendendo Bitcoin una valuta legale, i token non fungibili (NFT) sono in pieno boom su Ethereum, DeFi continua ad essere chic, e su più blockchain e sidechain – queste sono tutte buone ragioni, ma non quasi sufficienti. Le vere ragioni sono più probabilmente che il dollaro – e con esso tutte le valute fiat del mondo – stanno affondando in un vortice di crisi. L’inflazione c’è da tempo, sia in Europa che negli Stati Uniti, ed è guidata in parte dall’offerta di denaro, in parte da problemi di approvvigionamento. Ma il pericolo che cresca fino all’iperinflazione, che non solo schiaccia tutti i valori, ma alla fine ci lascia senza una misura valida dei valori, sta crescendo.

Bitcoin sta diventando un’opzione sempre più attraente per molti investitori di fronte a queste crisi. Non solo come un bene scarso con cui ci si può proteggere da una perdita di valore, ma anche come una quantità pura con cui si possono misurare i valori in modo più affidabile e con maggiore stabilità temporale che con la carta moneta. Una roccia in un mondo in cui la terra sotto i valori si sta sgretolando. Potrebbe anche essere possibile dire per la prima volta con piena giustificazione che non è tanto il Bitcoin che sta guadagnando in valore – ma le valute attraverso le quali misuriamo il valore del Bitcoin che stanno perdendo. E la follia del mercato intorno ad esso sta diventando una conseguenza quasi inevitabile di questo.

Related Posts

Leave a Comment