Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Quando il cliente è un DAO - Today's Crypto News
Home » Quando il cliente è un DAO

Quando il cliente è un DAO

by Christian

Un’agenzia di software di Colonia si è aggiudicata un cliente speciale: Il Maker DAO, l’organizzazione decentralizzata che emette dollari DAI. Abbiamo chiesto com’è lavorare per un’organizzazione che legalmente non esiste.

In realtà, Sidestream è abbastanza normale. Una “tradizionale agenzia di software”, dice il co-fondatore Daniel Kremerov, dove circa 20 dipendenti fanno un normale e tradizionale lavoro a contratto. Proprio come si fa nell’industria del software.

L’amministratore delegato e i suoi dipendenti, come Max Hoffmann, si occupano di cripto solo privatamente. Ma la questione di come combinare un hobby e un lavoro e guadagnare allo stesso tempo era sul tavolo da tempo. “Ho trovato DeFi, la finanza decentralizzata, particolarmente interessante”, ci dice Daniel, “così abbiamo chiesto in giro nel forum come potevamo contribuire”.


Nel processo, si sono imbattuti nel Maker DAO. Questa è l’organizzazione autonoma decentralizzata che emette il dollaro DAI, la prima stablecoin decentralizzata e la madre di tutte le applicazioni DeFi. Ma in senso stretto, Maker-DAO non era così decentralizzato come molti pensano all’epoca.

“Fino ad ora, Maker ha avuto una fondazione piuttosto centralizzata. Gli utenti e i loro incentivi sono decentralizzati, ma molti compiti passano attraverso la Fondazione”, ci dice Max, “Quando ci siamo informati, stavano per perforare lo schema e trasformare anche la Fondazione in un DAO. È stato allora che abbiamo visto un’opportunità per noi”.

Nel luglio 2021, il co-fondatore di Maker Rune Christensen ha annunciato che il MakerDAO era ora “completamente decentralizzato”. La Maker Foundation, di cui è a capo, aveva così esaurito il suo scopo e sarebbe stata formalmente sciolta nei prossimi mesi.

La Fondazione ha avuto un ruolo importante nella crescita di un progetto entusiasmante e nello sviluppo del protocollo Maker. Ma era chiaro fin dall’inizio che doveva esistere solo temporaneamente, come un mezzo per un fine: come un ponte verso un “DAO auto-governato e auto-operante”. E questo è attualmente in fase di creazione.

Al centro di questo ci sono le cosiddette “Core Units” – sub-unità del DAO. Questi sono commissionati dai proprietari dei Maker Token attraverso un’elezione per svolgere determinati compiti con un certo budget. Per esempio, ci sono unità di base per la comunicazione, la crescita, lo sviluppo, l’esperienza dell’utente, la valutazione del rischio, la strategia, il livello 2 e così via.

“Sul forum, ci siamo imbattuti in un programma di incubazione per nuove Core Unit: un programma strutturato che aiuta le aziende tradizionali e altre parti interessate a contribuire e a diventare parte del DAO”, spiega Max, “Ci è sembrato estremamente interessante”.

Sidestream ha fatto domanda ed è stata accettata. “Il nostro argomento è relativamente complesso”, comincia a spiegare Daniel. “Un aspetto del Maker DAO è che gli utenti prendono in prestito una stablecoin e congelano Ether come garanzia in cambio. Ora, se il prezzo dell’Ether scende sotto un valore appropriato, il collaterale deve essere liquidato. Poi c’è un’asta”. Tutto il software che lo circonda è stato finora sviluppato e mantenuto da volontari della comunità. Gli sviluppatori di software di Colonia devono farlo professionalmente in futuro. Rispetto agli altri progetti su cui gli sviluppatori di Colonia devono lavorare, questo è particolarmente esigente e impegnativo.

Ancora più complesso, però, è l’orpello: la burocrazia e l’organizzazione del lavoro. Come si può essere un imprenditore per un DAO? A chi si scrive una fattura? Si deve pagare l’IVA o no? Chi può fare causa se uno non esegue un ordine in tempo? Chi diventa il proprietario legale dei beni intellettuali generati dalla cessione? Come procederà in seguito l’incorporazione ufficiale nel DAO? E così via. Sono tutte questioni che, nelle normali e tradizionali relazioni d’affari, sono trattate da un contratto con una persona giuridica con un indirizzo reale.

“Al momento, la nostra commissione non passa attraverso uno Smart Contract o un DAO”, riferisce Daniel, “invece, c’è una Core Unit che ha il mandato di incorporare gli esterni. Ha un budget, i suoi membri votano su quali altre squadre sono ammissibili. Queste votazioni e tutta la comunicazione intorno ad esse avvengono offchain. In parte pubblicamente nei forum, in parte privatamente attraverso messaggi, mail, chat o telefonate”.


Questo risponderebbe anche alla domanda su come Sidestream scrive una fattura al DAO e quali sono le circostanze legali. Sidestream non è contrattato dal DAO, ma dalla Core Unit. “La Core Unit viene pagata con un certo budget in token attraverso il protocollo del Maker DAO. Poi li cambiano e ci pagano, molto tradizionalmente, in euro”.

Ma presto questo cambierà. A novembre, il programma di incubazione si concluderà. Sidestream ha successivamente presentato una Maker Improvement Proposal per diventare un proprio Core Uni. Se i membri del Maker DAO sono d’accordo, Sidestream non sarà più commissionato dal Core Uni da dicembre, ma dallo stesso Smart Contract. In altre parole, dal Maker DAO.

Gli sviluppatori di software di Colonia saranno poi pagati dal protocollo. Quindi in realtà attraverso un DAO, probabilmente come prima azienda tedesca in assoluto. Anche lì, il modo normale è un bonifico bancario. Sarebbe possibile essere pagati in Maker Tokens o DAI dollari, ma c’è un’unità centrale del DAO che è responsabile delle transazioni di pagamento. Questa unità riceve un certo numero di gettoni al mese e li cambia in euro, per esempio, per pagare i collaboratori come Sidestream.

Inoltre, le unità di base ricevono gettoni maker ogni sei mesi come bonus, come un’opzione per le azioni. Di conseguenza, più a lungo rimangono, più diventano importanti come membri del DAO e più hanno voce in capitolo.

Mentre il pagamento continuerà ad essere facoltativo offchain, la messa in servizio sarà obbligatoria onchain. In primo luogo, le proposte e le prestazioni dell’ente saranno discusse in forum pubblici. Poi, i titolari di token Maker votano su di esso, onchain, con i loro token. Questo voto determinerà se Sidestream continuerà ad essere impegnato dopo circa sei mesi.

“Penso che questo sarà ben complicato”, dice Daniel, non senza anticipazione, “al momento è semplice, il modo in cui siamo abituati. Ma in futuro … avremo bisogno di un portafoglio per l’unità di base e ottenere gettoni come incentivi. Per questo, stiamo lavorando con altre persone che vogliono un contratto normale, possibilmente, e anche soldi normali. Colmare questa situazione sarà una bella sfida”.

Non sarà facile, ma “è anche un’opportunità unica per noi”. Dopo tutto, qualcuno deve iniziare a rompere un nuovo terreno, e forse la strada porterà ad un rapporto contrattuale, che potrebbe essere molto più normale in futuro di quanto si possa immaginare oggi.

Related Posts

Leave a Comment