Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Il primo ETF di Bitcoin in America vuole rinunciare alle restrizioni di trading - Today's Crypto News
Home » Il primo ETF di Bitcoin in America vuole rinunciare alle restrizioni di trading

Il primo ETF di Bitcoin in America vuole rinunciare alle restrizioni di trading

by Christian

Il primo ETF di Bitcoin negli USA potrebbe crescere troppo velocemente per il Chicago Mercantile Exchange.

A meno di una settimana dal suo lancio, ProShares vuole cambiare il modo in cui gestisce il suo nuovo Bitcoin ETF.

Il CEO di ProShares Michael Sapir ha detto Barron’s che la sua azienda sta presentando un’esenzione dai limiti di trading al Chicago Mercantile Exchange, dove acquista contratti futures per il suo Bitcoin ETF, e che ProShares chiederà il permesso di investire in altri tipi di contratti derivati.

L’analista ETF di Bloomberg Eric Balchunas ha confermato la notizia su Twitter: “Entrambi sarebbero di grande aiuto per mantenere l’esposizione se $BITO continua a crescere. “

Il CME limita a 2.000 il numero di contratti futures su Bitcoin che scadono nello stesso mese. ProShares può anche tenere solo 4.000 contratti per novembre, e 5.000 contratti insieme. ProShares detiene 2.133 contratti per novembre e 1.679 contratti per ottobre, o il 76% del suo limite.

L’ETF investe il 25% del denaro degli investitori in una filiale delle Isole Cayman, e poi incarica la filiale di acquistare futures Bitcoin sul Chicago Mercantile Exchange. Dopo il lancio di martedì, l’ETF si è gonfiato fino a più di un miliardo di dollari di patrimonio.

In questo momento, ProShares investe il restante 75% in titoli del tesoro e nel mercato dei pronti contro termine. ProShares prende anche in prestito denaro dal mercato dei repo per ottenere una leva sui suoi investimenti. Con questo denaro con leva, ProShares investe in contratti futures regolati in contanti scommesse sul prezzo futuro del Bitcoin.

Il fondo fa questo indipendentemente dalle condizioni del mercato. Se il prezzo del Bitcoin sale, ProShares trae profitto da quelle scommesse. Userebbe quei profitti per fare e prendere in prestito denaro dal mercato monetario per comprare futures di Bitcoin. Se Bitcoin affonda, ProShares perde le scommesse regolate in contanti e il suo mucchio di denaro e l’esposizione al Bitcoin si ridurrà.

Sapir ha detto a Barron’s che ProShares sta considerando di investire il restante 75% in altre cose oltre ai titoli del tesoro o repo: potrebbe investire in contratti a scadenza successiva, swap o note strutturate, ha detto.

ProShares ha descritto questo in dettaglio in un prospectus martedì. Il fondo “può, dopo aver consultato il personale della SEC,” investire in prodotti che si correlano con il prezzo del Bitcoin, più altre criptovalute.

Proshares ha anche detto che potrebbe investire in azioni che sono correlate con il mercato delle criptovalute, come il minatore di Bitcoin Riot o MicroStrategy, la società di cloud computing degli Stati Uniti che è andata in estasi per il Bitcoin in questo periodo l’anno scorso.

Related Posts

Leave a Comment