Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
I beni digitali indeboliscono il regime di sanzioni degli Stati Uniti: Treasury Dept - Today's Crypto News
Home » I beni digitali indeboliscono il regime di sanzioni degli Stati Uniti: Treasury Dept

I beni digitali indeboliscono il regime di sanzioni degli Stati Uniti: Treasury Dept

by Michael

L’amministrazione Biden ha avvertito che i beni digitali minano il regime di sanzioni negli Stati Uniti.

In breve

  • Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha avvertito che i beni digitali rischiano di minare il regime di sanzioni degli Stati Uniti.
  • Attualmente, gli Stati Uniti hanno più di 9.000 sanzioni in atto contro paesi come l’Iran e la Corea del Nord.

Un rapporto rilasciato dall’amministrazione Biden all’inizio di questa settimana ha avvertito che gli asset digitali rappresentano un rischio per il programma di sanzioni degli Stati Uniti.

“Le innovazioni tecnologiche come le valute digitali, le piattaforme di pagamento alternative e i nuovi modi di nascondere le transazioni transfrontaliere riducono potenzialmente l’efficacia delle sanzioni americane”, ha detto il rapporto del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

“Queste tecnologie offrono agli attori maligni opportunità di detenere e trasferire fondi al di fuori del sistema finanziario basato sul collare. Danno anche potere ai nostri avversari che cercano di costruire nuovi sistemi finanziari e di pagamento destinati a diminuire il ruolo globale del dollaro”, ha aggiunto il rapporto.

Al momento della scrittura, gli Stati Uniti hanno più di 9.000 sanzioni in vigore. Le sanzioni sono state a lungo una pietra miliare della politica estera americana, prendendo di mira stati come la Corea del Nord e l’Iran per il loro ruolo nelle violazioni dei diritti umani, il terrorismo o altre attività illegali.

L’amministrazione Biden si occupa di beni digitali

Per quanto riguarda i beni digitali, il rapporto fa due raccomandazioni principali.

In primo luogo, l’amministrazione vuole garantire che le sanzioni siano facilmente comprensibili, applicabili e adattabili. “[Il] tesoro può costruire sulle capacità di sensibilizzazione e impegno esistenti attraverso una maggiore comunicazione con l’industria, le istituzioni finanziarie, gli alleati, la società civile e i media, così come i nuovi collegi elettorali, in particolare lo spazio dei beni digitali”, dice il rapporto.

In secondo luogo, il rapporto chiede di investire nella modernizzazione del regime di sanzioni del Tesoro.

In particolare, il Tesoro dovrebbe investire nell’approfondire la sua conoscenza istituzionale e le sue capacità nello spazio in evoluzione dei beni e servizi digitali per sostenere l’intero ciclo di vita delle sanzioni”, ha aggiunto il rapporto.

Il rapporto del Tesoro fa anche eco ai ripetuti avvertimenti dell’amministrazione Biden sul ruolo dei beni digitali come le criptovalute nelle attività finanziarie illecite.

Biden’s crypto pivot

L’amministrazione Biden ha dimostrato in diverse occasioni che è seria riguardo ai rischi per la sicurezza nazionale posti dagli asset digitali e dalle criptovalute.

Spinto dagli attacchi ransomware di alto profilo contro Colonial Pipeline e la società di lavorazione della carne JBS, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato che avrebbe elevato il ransomware ad un livello di priorità simile al terrorismo.

Questa estate ha anche visto l’amministrazione Biden istituire una task force ransomware, con il compito di combattere i cyberattacchi e tracciare i pagamenti dei riscatti in criptovaluta. All’epoca, il vice consigliere per la sicurezza nazionale Anne Neuberger ha detto che l’amministrazione sta lavorando per reprimere l’uso di Bitcoin e altre criptovalute per attività illegali.

Crypto around the world

Le preoccupazioni dell’amministrazione Biden per le criptovalute sono ben giustificate, data la pletora di prove che i cattivi attori usano le criptovalute per aggirare le sanzioni o altrimenti costruire scappatoie finanziarie.

All’inizio di quest’anno, Hamas, etichettato come un’organizzazione terroristica dagli Stati Uniti, il Regno Unito e altri, ha ammesso un picco nelle donazioni di Bitcoin dopo il rinnovato conflitto con Israele.

“C’è stato sicuramente un picco nelle donazioni di Bitcoin”, ha detto il funzionario di Hamas all’epoca, aggiungendo: “Alcuni dei soldi vengono utilizzati per scopi militari per difendere i diritti fondamentali dei palestinesi”.

Anche l’estrema destra ha scoperto l’utilità delle criptovalute.

Il mese scorso, Andrew Anglin, fondatore del sito neo-nazista Daily Stormer, ha ricevuto quasi 5 milioni di dollari di Bitcoin dal gennaio 2017.

Nel febbraio di quest’anno, Anglin è passato a Monero, una criptovaluta orientata alla privacy, e ha abbandonato il Bitcoin per la preoccupazione che le transazioni fossero visibili pubblicamente.

Related Posts

Leave a Comment