Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Il perno dell'Afghanistan verso le criptovalute: Funzionerà? - Today's Crypto News
Home » Il perno dell’Afghanistan verso le criptovalute: Funzionerà?

Il perno dell’Afghanistan verso le criptovalute: Funzionerà?

by Patricia

Iran, Venezuela e Corea del Nord hanno provato le criptovalute durante l’incertezza economica, con risultati contrastanti. L’Afghanistan sarà diverso?

In breve

  • Dati recenti suggeriscono che l’Afghanistan si sta orientando verso la crittografia.
  • Decrypt ha parlato con gli esperti dell’Afghanistan per scoprire se gli afghani comuni ne trarranno davvero beneficio o no.

In tempi di disordini, sempre più nazioni si rivolgono alla crittografia. Iran, Venezuela e North Korea hanno tutti usato le criptovalute per evitare sanzioni, accedere ai mercati globali o, nel caso della Corea del Nord, persino condurre una guerra informatica.

Ora è il turno dell’Afghanistan. I dati pubblicati in agosto dalla piattaforma di criptoanalisi Chainalysis hanno scoperto che l’Afghanistan è al 20° posto su 154 paesi nell’adozione complessiva di criptovalute. Se si isola per il volume di scambio peer-to-peer, l’Afghanistan è al settimo posto a livello globale.

Un anno fa, l’Afghanistan non si era nemmeno classificato nei dati di Chainalysis, suggerendo che il suo boom di criptovalute è un fenomeno recente. Poi in agosto, i talebani hanno preso il pieno controllo del paese, un evento che ha innescato il crollo economico, e ha portato alcuni a suggerire che le criptovalute potrebbero diventare ancora più importanti.

Le criptovalute forniranno un’ancora di salvezza? Non necessariamente. Decrypt ha parlato con esperti dell’Afghanistan che hanno suggerito che le criptovalute faranno poco per la popolazione in difficoltà del paese, ma potrebbero beneficiare i governanti talebani.

Il momento crypto dell’Afghanistan? Non così in fretta

Tra i comuni afghani che vedono il potenziale della crittografia c’è Farhan Hotak, che vive nel sud del paese vicino al confine con il Pakistan. Il 22enne Hotak ha guadagnato l’attenzione dei media nelle ultime settimane come un avido commerciante di cripto che vive sotto il dominio dei talebani.

“Ho risorse molto, molto, molto limitate per fare qualsiasi cosa. Sono interessato al mondo delle criptovalute, perché ho guadagnato molto, e vedo molto potenziale in me che posso andare oltre”, ha detto Hotak alla CNBC questo agosto

Eppure Hotak rimane un’eccezione. Mentre i dati di Chainalysis suggeriscono che la criptovaluta sta diventando più popolare in Afghanistan, gli esperti dubitano che le criptovalute avranno un impatto sulla vita degli afgani comuni in modo significativo.

“Non sarai in grado di andare in un mercato di verdure e pagare le tue verdure con le criptovalute”, ha detto a Decrypt Peter Mills, ricercatore in Afghanistan per il Institute for the Study of War, aggiungendo che l’Afghanistan rimane ora più che mai un’economia basata sul denaro contante.

In effetti, l’Afghanistan si affida al contante così ampiamente che alcuni dei suoi cittadini stanno adottando altre valute fiat in mezzo a una grave mancanza di afghanis circolanti la valuta locale a causa delle sanzioni internazionali.

“Stanno passando ad altre valute, stanno usando le rupie pakistane. Ho visto alcuni rapporti che stanno usando la valuta iraniana nell’Afghanistan occidentale, come a Herat”, ha detto Mills.

Il punto di Mills è sottolineato dalla storia di un panettiere in Siria, nella città settentrionale di Azaz, che ha cambiato la valuta locale in rapida svalutazione con la lira turca, seguendo l’esempio del suo consiglio locale.

Dato che gli afgani sono stati veloci ad adottare altri tipi di denaro, potrebbero abbracciare anche le criptovalute? Come si è scoperto, ci sono diverse ragioni per cui è improbabile che la gente comune la usi al tasso implicito nei dati di Chainlaysis. Uno riguarda l’infrastruttura fisica o ciò che ne rimane.

Negli ultimi mesi, un gruppo rivale dei talebani noto come Islamic State Khorasan ha iniziato a far saltare i tralicci dell’elettricità.

“Hanno preso di mira i tralicci dell’elettricità, le infrastrutture di telecomunicazione e altre importanti infrastrutture economiche per creare più instabilità economica e minare il governo”, ha aggiunto Mills.

Con le infrastrutture elettriche che potenzialmente cancellano l’accesso di intere regioni all’energia elettrica e l’accesso a internet, l’adozione di criptovalute diffuse affronta una dura battaglia in salita in Afghanistan.

Nel frattempo, la cultura della corruzione del governo è un altro impedimento per i civili afgani che beneficiano della criptovaluta. Tale corruzione è stata sottolineata dallo scandalo della Kabul Bank del 2010, che ha visto politici e alti funzionari appropriarsi di circa 1 miliardo di dollari, paralizzando qualsiasi tentativo significativo di sviluppare l’economia e le infrastrutture finanziarie dell’Afghanistan. Pochi credono che la corruzione diminuirà sotto il nuovo governo talebano.

Il risultato è che ci sono poche possibilità che i leader dell’Afghanistan seguano l’esempio di El Salvador, un altro paese impoverito dove, nel bene e nel male, i suoi leader stanno spingendo i cittadini ad usare Bitcoin.

“Le questioni sono più economia reale, stato di diritto politico, sicurezza … sai, le tecnologie di pagamento sono una sorta di lato in termini di importanza”, Warren Coats, ex membro del programma del FMI per l’Afghanistan, ha detto a Decrypt.

Coats ha aggiunto che è una “cosa meravigliosa” quando la tecnologia digitale incontra i pagamenti, e qualsiasi cosa che renda gli afgani meno dipendenti dai contanti sarebbe benvenuta, ma “questo quasi certamente non accadrà con le offerte non legali”.

È improbabile che le criptovalute migliorino la vita degli afghani di tutti i giorni. Ma potrebbero invece aiutare i talebani?

Un manuale di crittografia per jihadisti

Come i governi di altri stati canaglia, i nuovi leader talebani dell’Afghanistan possono utilizzare le criptovalute come un modo per aggirare le sanzioni internazionali che ostacolano la sua economia.

Secondo Yaya Fanusie, ex analista della CIA e senior fellow presso il Center for a New American Century, i gruppi jihadisti stanno da tempo incorporando le criptovalute nelle loro reti di pagamento globale.

Questa strategia potrebbe essere particolarmente attraente per i talebani, dato che anche i suoi tradizionali alleati come il Pakistan e la Cina non hanno ancora concesso alcuna legittimità al loro governo.

“Anche il Pakistan è riluttante ad essere il primo a muoversi e a riconoscere i talebani”, ha aggiunto Mills.

Un utente di Twitter con un seguito di più di 20.000 che va sotto lo pseudonimo di Bibi Janey, ha persino pubblicato un tweet suggerendo che i talebani dovrebbero “tenere una riunione di emergenza con i cambiavalute per addestrarli a scambiare Bitcoin”.

Secondo Siegfried Wolf, direttore della ricerca al South Asia Democratic Forum, un Afghanistan controllato dai talebani potrebbe anche “espandersi dall’essere un semplice hub fisico per i gruppi terroristici internazionali”, ed evolvere in un più cripto-specifico “punto nodale online per le transazioni di cripto/valuta fatale al di fuori di una supervisione appropriata”.

Questo non è troppo difficile da immaginare, dato che i talebani avrebbero solo bisogno di un flusso costante di elettricità in piccole sacche dell’Afghanistan per eseguire operazioni di Bitcoin. Questo si adatterebbe ad un modello di altre organizzazioni terroristiche che hanno fatto affidamento sulle criptovalute, tra cui Hamas e lo Stato Islamico.

Il rischio che i Talebani si rivolgano al finanziamento delle criptovalute appare ancora più probabile dato che la sua tradizionale fonte di fondi, il commercio dell’oppio, potrebbe presto essere sulla sua strada, nonostante il gruppo abbia precedentemente pocketed fino a 3 miliardi di dollari all’anno da esso.

“Almeno ufficialmente, hanno detto che si sbarazzeranno della coltivazione e della produzione di oppio”, ha detto Mills.

Le conseguenze della scommessa cripto talebana

Stati in rivolta come l’Iran, il Venezuela e la Corea del Nord hanno tutti puntato sulla crittografia prima.

In Venezuela e Iran, la criptovaluta è usata per evitare le sanzioni e, in Venezuela, anche per distrarre dall’iperinflazione. In Corea del Nord, i furti di criptovalute e le scappatelle di hacking del regime di Kim sono stati a lungo utilizzati per sostenere un’economia cronicamente fallimentare.

Mentre le circostanze degli stati canaglia variano selvaggiamente, le loro azioni sollevano sempre l’ira degli Stati Uniti, e il pivot crittografico dell’Afghanistan non sarà diverso.

Proprio questa settimana, un rapporto rilasciato dall’amministrazione Biden ha avvertito che i beni digitali come le criptovalute minano il regime di sanzioni degli Stati Uniti, un regime che è stato a lungo una pietra miliare della politica estera americana.

“Queste tecnologie offrono ad attori maligni opportunità di detenere e trasferire fondi al di fuori del sistema finanziario basato sul collare. Danno anche potere ai nostri avversari che cercano di costruire nuovi sistemi finanziari e di pagamento destinati a diminuire il ruolo del dollaro”, ha detto il rapporto pubblicato dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Il rapporto del Tesoro ha anche chiesto che il regime di sanzioni degli Stati Uniti diventi più abile nel tracciare e sequestrare i beni digitali. Il rapporto ha anche fatto eco ai ripetuti avvertimenti dell’amministrazione contro le criptovalute più in generale, il che ha portato a speculazioni su un ordine esecutivo volto a reprimere le criptovalute;

In altre parole, se i Talebani vogliono seguire le orme delle criptovalute dei precedenti regimi canaglia, potrebbero scoprire che è più un problema che un valore.

Related Posts

Leave a Comment