Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Gli Stati Uniti impongono sanzioni finanziarie su uno scambio di criptovalute russo - Today's Crypto News
Home » Gli Stati Uniti impongono sanzioni finanziarie su uno scambio di criptovalute russo

Gli Stati Uniti impongono sanzioni finanziarie su uno scambio di criptovalute russo

by Christian

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni finanziarie su uno scambio di criptovalute per la prima volta. Lo scambio russo Suex.io è accusato di aiutare gli hacker di ransomware a passare i loro proventi. Il caso mette in luce una parte della posizione cripto della Russia.

Spesso ci sono solo pochi giorni tra le parole e i fatti. A metà settembre, l’amministrazione Biden ha annunciato che il Dipartimento del Tesoro stava per rispondere al ransomware con nuove sanzioni. Questo dovrebbe, ha detto vagamente un rapporto della Reuters, “rendere più difficile per gli hacker trarre profitto dal ransomware attraverso le valute digitali”.

Poco dopo, è diventato chiaro cosa intendeva il governo degli Stati Uniti. Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha inserito lo scambio russo Suex.io nella lista dell’Office of Foreign Assets Control (OFAC) di “Specially Designated Nationals And Blocked Persons”. Individui, aziende, istituzioni o interi paesi su questa lista sono soggetti a sanzioni finanziarie. Ai cittadini statunitensi è severamente vietato avere transazioni finanziarie con loro, e il governo sostiene di applicare la sanzione anche in altri paesi, per esempio facendo pressione sulle banche del dollaro.

Gli indirizzi Bitcoin sono già entrati in questa lista negli ultimi anni, come i trafficanti di droga dalla Cina o gli hacker dall’Iran. Ma quando uno scambio dalla Russia viene sanzionato, questo è qualcosa di nuovo. Per la prima volta, il governo degli Stati Uniti sta mettendo uno scambio di cripto con sede all’estero e legale lì nella stessa categoria degli spacciatori di droga e dei terroristi.

160 milioni di dollari sporchi

La maggior parte dell’attività con le valute virtuali è legale, spiega il Tesoro degli Stati Uniti la sanzione, ma alcune delle valute virtuali sono utilizzate in modo improprio per attività illegali. “Alcuni scambi di valute virtuali sono anche abusati dai criminali. Altri, invece, in questo caso Suex, stanno promuovendo attività illegali per i loro profitti illeciti”. Suex aveva aiutato a riciclare i proventi di almeno otto varianti di ransomware; secondo l’analisi, il 40 per cento di tutte le transazioni Suex hanno una fonte criminale.

L’analista di blockchain Chainalysis afferma con orgoglio che i suoi strumenti hanno aiutato nelle indagini su Suex. Suex ha spostato più di 481 milioni di dollari in criptovalute dal 2018, principalmente in Bitcoin, Ether e Tether, dice.

Molto di questo proveniva da fonti illegali o ad alto rischio, ha detto. Solo in Bitcoin, gli indirizzi Suex hanno ricevuto più di 160 milioni di dollari da hacker ransomware, truffatori e operatori del mercato darknet. Più specificamente:

Altri 13 milioni di dollari provengono da operatori di ransomware, come Ryuk, Conti e Maze,
più di 24 milioni di dollari da truffatori, come Finiko, un gigantesco schema ponzi che ha raccolto più di 1,5 miliardi di dollari in bitcoin in Russia e Ucraina tra dicembre 2019 e agosto 2021; e
più di 20 milioni dai mercati darknet, in particolare Hydra.
Inoltre, oltre 50 milioni di dollari in criptovalute sono fluiti a Suex dalle partecipazioni di BTC-e, un ex scambio nella regione russa che era noto per il riciclaggio di denaro. Chainalysis purtroppo tace sui restanti 50-60 milioni di dollari, così come su come Finiko ha riciclato i restanti 1,476 miliardi di dollari. Suex è solo un piccolo pesce nelle acque del riciclaggio di criptovalute dell’Europa orientale?

Non è una borsa, ma un commerciante OTC

Suex è registrata nella Repubblica Ceca ma opera dalla Russia sotto l’ombrello di una società madre estone. Si ritiene che i manager di Suex abbiano legami con un fornitore di telecomunicazioni russo e con una società di investimenti ceca.

Suex non è una borsa autonoma, ma un trader over-the-counter o “OTC bureau” con filiali a Mosca, San Pietroburgo, Medio Oriente e forse altre città russe. I clienti si presentano di persona negli uffici dove scambiano denaro con criptovalute o viceversa. Suex non ha un proprio order book e non gestisce monete, ma opera attraverso conti su criptovalute più grandi, presumibilmente Binance e Huobi, ma questo non è specificamente noto.

Tali uffici OTC sono conosciuti in Cina. Lì, dal momento che il divieto di scambi, sono stati uno dei pochi modi per scambiare yuan per criptovalute e partecipare ai mercati di cripto tramite scambi esteri.

Gli uffici OTC non sono illegali o criminali di per sé, ma spesso sono il punto di partenza per il riciclaggio di denaro, in quanto sono di solito più lassisti nella supervisione. Ecco perché Chainalysis li osserva da vicino, sia in Cina che altrove. Suex è stato sotto osservazione per anni dall’analista, che dice di aver identificato numerosi indirizzi appartenenti al trader OTC che hanno ricevuto monete illegali. Alcuni degli indirizzi fanno anche parte del “Rogue 100”, una lista di 100 indirizzi OTC che sono stati tra i più grandi riciclatori di denaro cripto nel 2019.

Una buona reputazione in Russia

In Occidente, Suex è in gran parte sconosciuto. Ecco perché la rivista Coindesk ha trascorso le ultime settimane a fare indagini intensive sul trader tra i commercianti russi, gli utenti e gli imprenditori di criptovalute.

Suex è ben noto nei circoli crittografici russi e gode di una reputazione di affidabilità: Se gli dai dei soldi, non scappano con quelli, ha detto un fondatore di startup, ma li scambiano come richiesto. Un altro fondatore ha detto che quasi tutti commerciano con Suex in qualche modo, poiché il trader è in grado di scambiare quasi qualsiasi volume in modo tempestivo.

Un’informazione molto interessante è che Suex aiuta i clienti a portare denaro ai mercati finanziari occidentali utilizzando le criptovalute. Il denaro scorre attraverso portafogli, gateway fiat e scambi di criptovalute verso conti bancari europei, per esempio in Svizzera. Tali fornitori di servizi sono numerosi in Russia, ha detto un’altra fonte, ma Suex è uno dei più grandi. “Questo è il modo più economico per spostare il denaro attraverso il confine”.

Così Bitcoin e le criptovalute servono uno scopo in Russia, anche se è più in una zona grigia.

Sapevano dell’origine criminale dei fondi?

La scena in Russia è sorpresa dalle sanzioni. Di solito, i regolatori hanno contattato gli scambi e le società di criptovalute per saperne di più sui loro clienti criminali. Quando questo accade, tutti collaborano, perché nessuno vuole cadere nelle mani della polizia americana durante la sua prossima vacanza in Grecia. Questo è quello che è successo al noto cripto-riciclatore russo Alexander Vinnik.

La maggior parte degli intervistati da Coindesk non dubita che il denaro sia stato riciclato attraverso Suex. Ma molti dubitano che Suex lo sapesse. Di solito, grandi quantità di monete sporche verrebbero riciclate onchain prima di raggiungere gli scambi e i commercianti. “Come OTC, inevitabilmente hai a che fare con denaro sporco”, ha detto una fonte, “ma lo scopri solo quando la polizia viene a bussare alla tua porta alle 6 del mattino”.

È possibile che Suex avrebbe potuto fare un lavoro migliore di analisi onchain. Si tratta di metodi per spiare i clienti e individuare flussi di denaro sospetti attraverso strumenti come quelli offerti da Chainalysis. Ma la maggior parte non sospetta alcuna intenzione dietro questo.

Altri, tuttavia, pensano che i dipendenti della Suex devono aver saputo che stavano riciclando denaro almeno in alcuni casi. La verità è probabilmente da qualche parte nel mezzo.

Related Posts

Leave a Comment