Deprecated: L'argomento $control_id è deprecato dalla versione 3.5.0! in /var/www/todayscrypto.news/wp-content/plugins/elementor/modules/dev-tools/deprecation.php on line 304
Bless Jah Rasta-NFT - i primi token reggae su Ethereum! - Today's Crypto News
Home » Bless Jah Rasta-NFT – i primi token reggae su Ethereum!

Bless Jah Rasta-NFT – i primi token reggae su Ethereum!

by Christian

Un sound system sta lanciando una serie CryptoRasta-NFT che ha la sua playlist offbeat-heavy. Il ricavato sarà utilizzato in parte a beneficio della scena Rastafariana e Reggae. Gli NFT trovano il loro posto nella beneficenza e nel merchandising musicale? O i gettoni stanno reintroducendo il sistema di Babylon dalla porta di servizio?

Alcune frasi semplicemente non si traducono. Ma sono sicuro che chiunque capisca la frase seguente troverà interessante anche questo articolo:

“Saluti, fratelli e sorelle, I & vi presento i Cryptorastas!” Questo, dicono, è più di un’altra collezione NFT: “È una comunità di amore e di I-nità!”

Questo è il modo in cui il sito web di CryptoRastas accoglie i visitatori. Con i CryptoRasta, la cultura reggae o rasta ora incontra la blockchain.

Le due scene sono estremamente contrastanti, per non dire altro. Qui la natura cresce, là la tecnologia si accumula, qui si canta Dio, là si balla intorno al vitello d’oro. Forse “Krypto”, con la sua eccessiva avidità, l’ossessione per i numeri crescenti e la frode epidemica, incarna proprio il sistema di Babilonia che i Rasta lamentano e vogliono bruciare nelle loro canzoni?

Spotify Playlist

In ogni caso, i CryptoRasta combinano reggae e blockchain. Si tratta di 10.400 figure Rasta immortalate come NFT, o gettoni non fungibili. I rasta si distinguono per barbe, berretti, dreadlocks, occhiali, orecchini, articolazioni in bocca e qualche altro dettaglio che un algoritmo ha distribuito a caso tra loro. E hanno la loro playlist!

Coloro che comprano i token su un marketplace NFT come OpenSea acquisiscono diversi diritti con essi: possono usarli come avatar nei social media, scambiarli, stamparli e così via. Ma soprattutto, sta sostenendo, direttamente o indirettamente, quella cultura caraibica che dà al mondo così riccamente in musica ma che riceve così poco in cambio: la cultura dei Rasta.

Meglio rubare bene che inventare male

Il concetto è, ovviamente, impietosamente copiato dai CryptoPunks. I CryptoPunks erano una di quelle idee che, senza pianificarlo veramente, hanno creato un nuovo mercato: A mercato per immagini di personaggi formati algoritmicamente, crowd-sourced, adatti per l’uso come avatar sui social media.

La funzione naturale di tali NFT è quella di oggetti da collezione. Ma si prestano anche al finanziamento o a cause caritatevoli. Questo è evidente con il CryptoRastas.


L’ideatore è Digital Dubs, un sound system brasiliano strettamente legato alla scena giamaicana. Hanno inventato alcune innovazioni per i CryptoRasta: per esempio, dal punto di vista tecnico, l’algoritmo non solo genera diversi Rasta con caratteristiche diverse, ma anche una piccola storia per ognuno di essi.

Per esempio, CryptoRasta 07938: “Chance Campbell è un designer di Kingston, Giamaica ed è pazzo per le serie”. O 08418: “Angel Bhing è un produttore di San Paolo, Brasile, e ama lo scontro di suoni”.

In secondo luogo, Digital Dubs è riuscita a conquistare numerosi musicisti reggae di spicco come partner: Leggende del Dub Lee Scratch Perry, Sly & Robbie e Augustus Pablo; i classici Sugar Minott, Bushman e Macka B; le nuove stelle del reggae Jah9, Kabaka Pyramid e altro ancora.

Ma quanto concretamente i partner beneficiano dei CryptoRasta? In che modo il denaro fluisce effettivamente verso la Giamaica invece di infiltrarsi nei portafogli dei dubs digitali?

200 NFT individuali di veri artisti reggae
Il sito web afferma che gli artisti, la scena musicale e i fan ne “beneficeranno direttamente” e che parte dei profitti andrà agli artisti in Giamaica e nella diaspora, alle organizzazioni Rasta e ai progetti giovanili. Ma come concretamente?

Per esempio, solo 10.220 delle NFT sono generate dall’algoritmo. Altri 200 o giù di lì pixeleranno i partner quando appariranno tra qualche settimana. Questi, spiega Digital Dubs via e-mail, riceveranno poi la maggior parte dei ricavi delle vendite e delle royalties, che nel caso degli NFT significa che ottengono una piccola parte di ogni vendita.

Con questi partner, spiega Digital Dubs, stanno anche progettando eventi nel metaverso, cioè nel mondo virtuale che si sta creando intorno al cyberspazio, alla blockchain e alle NFT. In questo modo, la gente può assistere a concerti esclusivi suonati da artisti reggae direttamente dalla Giamaica.

Inoltre, Digital Dubs sostiene enti di beneficenza come WorldSoundPowerCollective, che aiuta i rastafariani in Giamaica e nella diaspora. Sono anche in trattative con altre organizzazioni umanitarie in Giamaica, Etiopia, Brasile e Haiti.

Related Posts

Leave a Comment